Videogames che escono più tardi in Giappone? Ecco una possibile motivazione…

0
In Giappone capita spesso che alcuni videogiochi (ma anche film) arrivino in ritardo rispetto al resto del mondo. L’esempio più lampante è Pokémon Go, ma pensiamo anche alla stessa Play Station 4, uscita per il mercato nipponico con quattro mesi di ritardo rispetto ad USA ed Europa.

Sebbene non sia stata data una motivazione ufficiale sul perché alcuni titoli arrivino più tardi nel Sol Levante, ultimamente sta prendendo sempre più spazio una teoria che potrebbe spiegare l’arcano.

Ebbene, i giapponesi sarebbero troppo duri rispetto ad altri paesi nel recensire i videogames. Questa teoria è stata condivisa per la prima volta su Twitter dal blogger @yokotaro:

“Ho sentito questa ipotesi e penso di essere d’accordo. I giocatori giapponesi tendono a dare ai giochi le recensioni peggiori possibile. Questo influenza anche le vendite negli altri paesi. D’altro canto, se le recensioni sono positive negli altri paesi, di conseguenza lo saranno anche quelle giapponesi. Questo spiega il perchè i mercati internazionali hanno la priorità.”

A dimostrare quanto i giapponesi siano “brutali” nel lasciare le loro opinioni sui videogames, guardate questa infografica che mette a paragone le recensioni lasciate su Amazon da giapponesi, americani, inglesi, francesi e tedeschi nei confronti di Final Fantasy XV e Pokémon Sole.

https://twitter.com/Siruker/status/805283151421419520?ref_src=twsrc%5Etfw

Le votazioni ad 1 e 2 stelle, se sommate, superano di gran lunga le recensioni positive. Ed è sufficiente fare una veloce ricerca nel negozio on-line, per notare che i due giochi presi in esame non sono assolutamente dei casi isolati.

Questa è semplicemente una teoria, che, però, potrebbe avere un fondo di verità. Del resto le reviews dei giapponesi – vuoi per la loro importanza nell’industria videoludica, o per essere i padri di alcune delle console più vendute al mondo – possono influenzare effettivamente i mercati stranieri.

Voi cosa ne pensate? È un’ipotesi credibile? Ditecelo nei commenti!

Fonte: Rocketnews24.com