La casa editrice con sede in via Buonarroti a Milano in questi sette giorni porta in edicola 6 albi, di cui quattro inediti e due, invece, ristampati.

Il crepitio del fuoco accompagna le straordinarie storie vissute dagli scout imperiali nell’albo numero 41 della serie fantasy Dragonero, dal titolo “Sentieri smarriti”. Il mensile è atteso in edicola per martedì 11 ottobre con soggetto e sceneggiatura di Stefano Vietti, disegni del trio composto da Walter Trono, Salvatore Porcaro e Fabio Babich e copertina di Giuseppe Matteoni. Continuano, dunque, gli epici racconti degli scout che, durante l’annuale raduno, narrano ai compagni le loro avventure più incredibili, stupefacenti e pericolose. Quale sarà la drammatica conclusione della storia di Yeraban e Maya? Di quali nuove e terrificanti insidie, nascoste nelle foreste erondariane, verranno a conoscenza Dragonero e i suoi compagni? Le risposte si trovano nelle pagine della nuova uscita della serie di Ian Aranill.Dragonero 41

La leggenda del re che con un tocco tramutava tutto in oro si riverbera nella New York dei giorni nostri nel Martin Mystère bimestrale numero 347. “L’oro di re Mida”, questo il titolo dell’albo, ha firme di Alfredo Castelli e Enrico Lotti (testi), Antonio Sforza (disegni) e Giancarlo Alessandrini (copertina). Racconta la leggenda che Mida, re di Frigia, aveva ricevuto da Dioniso la facoltà di trasformare in oro qualsiasi cosa toccasse. Più tardi, resosi però conto che questa facoltà lo avrebbe portato alla morte per fame, Mida implorò il dio di liberarlo dal suo potere, e questi, impietosito, lo accontentò. Tremila anni dopo, il Detective dell’Impossibile si imbatte in un insolito mistero: qualcuno ha inondato il mercato librario di New York con migliaia di volumi antichi e qualcun altro è disposto a tutto, anche a uccidere, pur di rastrellarli. L’indagine porta Martin Mystère molto lontano nello spazio e nel tempo, fino, appunto, al mitico re Mida. Il bimestrale è atteso in edicola per martedì 12 ottobre.Martin Mystère 347

Un’antica leggenda rivive per salvare Praga dalla morsa nazista nell’albo numero 49 della serie antologica di casa Bonelli, Le Storie. L’avventura di questo mese è ambientata nello specifico nella Praga del 1942, quando la grande città boema è oppressa dall’occupazione nazista e la popolazione ebraica vive nel terrore, mentre le forze della resistenza cercano di organizzarsi nell’ombra. Ma si tratta di un compito quasi impossibile: la Wehrmacht e le spietate SS stringono infatti sempre più la loro morsa su ogni strada e quartiere della città con forza soverchiante e per i partigiani la fine pare sempre più vicina. Solo una speranza, in verità, alimenta la lotta. Una speranza per così dire “folle”, che poggia sulle fragili basi di un’antica leggenda… quella del Golem. E proprio “Golem” è il titolo del mensile atteso nelle edicole italiane per giovedì 13 ottobre. A firmarlo sono Francesco Artibani (soggetto e sceneggiatura), Werther Dell’Edera (disegni) e Aldo Di Gennaro (copertina).Le Storie 49

Le uscite inedite della settimana si concludono con l’approdo in edicola di Juric numero 1, la miniserie dell’universo di Orfani dedicata alla sociologa che tanta parte ha in quella che è la prima serie tutta a colori della Sergio Bonelli Editore. Chi è Jsana Juric? Quali sono le sue origini? Come è stata plasmata la sua mente spietata? Le risposte si trovano all’interno dell’albo inaugurale della miniserie mensile, intitolato “Il fiore del male” e in uscita sabato 15 ottobre, con cui ha inizio il racconto del passato di Jsana Juric, la spietata sociologa che è perfino riuscita a conquistare la carica presidenziale e alla quale sono legate molte delle tragiche vicende che hanno visto protagonisti gli Orfani. La rievocazione della vita della Juric inizia dalla sua infanzia e dai traumi che l’hanno irreparabilmente segnata. L’albo per prologo ed epilogo ha soggetto e sceneggiatura a firma di Roberto Recchioni e disegni di Andrea Accardi, mentre per la storia in sé ha soggetto affidato a Paola Barbato e allo stesso Recchioni, sceneggiatura sempre a firma della Barbato, disegni di Roberto De Angelis, copertina di Nicola Mari con colori di Barbara Ciardo e infine colori di José Andres Mossa.Juric 1

Sul fronte ristampe doppio appuntamento, uno con le avventure dell’Indagatore dell’Incubo e l’altro con quelle del ranger in camicia gialla. Venerdì 14 ottobre la Dylan Dog Collezione Book restituisce al grande pubblico “Il cimitero dei freaks”, storia numero 245 della serie regolare dell’Old Boy originariamente uscita nel febbraio del 2007. Un insolito omicidio porta il Nostro a indagare sulle tante storie che si celano dietro alle lapidi del cimitero dei freaks. In quel luogo, purtroppo, negli ultimi tempi non è insolito trovare una tomba profanata, magari scoperchiata da chi non riesce a trattenere la sua curiosità morbosa e vuole ammirare questi scherzi della natura anche una volta che essi sono defunti; oppure da qualcuno in vena di divertirsi compiendo atti vandalici, disturbando il sonno eterno di chi, in genere, a causa della sua deformità, ha già dovuto sopportare fin troppe angherie nel corso della vita. Uno di questi indesiderati visitatori notturni, però, ci rimette la pelle, orrendamente ucciso a morsi. I segni sul corpo della vittima sono inconfondibili e riconducono all’impronta dei denti di Clive Mouthy Geller, il cui cadavere, stranamente, manca all’appello degli ospiti del cimitero. Il mensile ha soggetto e sceneggiatura firmati da Paola Barbato, disegni a cura di Nicola Mari e copertina di Angelo Stano.Dylan Dog Collezione Book 245

Sabato 15, infine, sarà la volta della quindicinale Tex Nuova Ristampa, che restituisce al grande pubblico “Orrore!”, una storia, la numero 410 della serie ufficiale, originariamente uscita nel dicembre del 1994 a firma di Michele Medda per soggetto e sceneggiatura, Guglielmo Letteri per i disegni e Claudio Villa per la copertina. A Glenwood, dove era giunto per braccare un ladro di bestiame, Tex accetta l’ufficio vacante di sceriffo per indagare sullo Sventratore, un misterioso killer che ha già ucciso tre donne. Il giornalista Herbert Addison, amico del ranger, è convinto che i delitti siano collegati ad analoghi fatti di sangue accaduti anni prima in Scozia. Intanto, il potente signorotto locale Vance Holden, deciso a far evadere il suo sovrintendente Larry Casey, incarcerato per aver ucciso un indiano, paga alcuni sgherri per dar fuoco all’isolato ranch di Sally McGuire, allontanando così Tex dal paese.Tex Nuova Ristampa 410

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui