Dopo il Countdown “speciale” della settimana scorsa ritorniamo, eccezionalmente di venerdì,  alla solita formula anche se qualche posizione verrà ancora occupata dalle news riguardanti l’ormai famigerato “rilancio settembrino”…

Attendo come sempre i vostri commenti ed impressioni all’indirizzo redazione@mangaforever.net

Buona Lettura!

VOTO 10:

alla HBO. La HBO è il network del momento non solo per averci regalato lo splendido adattamento di Game of Thrones, se non lo state vedendo fatelo!, ma soprattutto perché si è assicurata con una produzione di circa 60 milioni di dollari l’adattamento per 6 stagioni di American Gods romanzo di Nei Gaiman che racconta le gesta on-the road di Shadow guardia del corpo del misterioso Wednesday ovvero l’incarnazione di Odino che sulle strade dell’America dei giorni nostri è alla ricerca dei suoi compagni per scatenare il Ragnarok contro le moderne divinità come internet e la televisione…debutto previsto 2012/2013…chissà se in Italia è uscito questo romanzo…

VOTO 9:

all’E3 2011. Anche quest’anno si è svolto l’E3 la più importante fiera videoludica del pianeta come sempre ci sono stati importanti annunci e succose anticipazioni fra le quali l’inatteso annuncio di Halo 4 e il remake del primo Halo in versione HD nonché la presentazioni dei prototipi della Wii U e la nuova console portatile di casa Sony la PS VITA…vi lascio con qualche gustoso video iniziamo con un lunghissimo video dedicato a Batman Arkham City

Gears of War 3

il trailer di Halo 4

e concludiamo con il nuovo Uncharted

VOTO 8:

a Bob Harras & Eddie Berganza. Due dei maggiori editors della DC hanno rilasciato qualche giorno fa una intervista a CBR rispondendo a numerose domande ovviamente riguardanti l’ormai famigerato rilancio di settembre. 8 non solo perché in maniera molto diplomatica sono riusciti a mantenere una certa riservatezza sui dettagli, buon per loro, ma fra le righe hanno lasciato trapelare alcune succose informazioni ad esempio che molti costumi non sono definitivi, oppure che i grandi avvenimenti del DCU sono accaduti e rimarranno in continuity come Identity Crisi o A Death in the Family…per chi volesse leggersi l’intervista per intero eccovi il link http://www.comicbookresources.com/?page=article&id=32800

VOTO 7:

a Kappa & Kaze. E così i Kappa mettono a segno un altro colpo concretizzando la collaborazione con l’attivissima casa editrice francese Kaze, la maggiore in Francia per i prodotti legati al mondo del fumetto e non solo nipponico. La collaborazione dovrebbe portare in Italia il catalogo anime della Kaze con una supervisione dei Kappa…ovviamente non possiamo far altro che un grosso in bocca al lupo a questa nuova avventura dei Kappa però questa volta incrociamo tutte le dita perché l’ultima volta che un editore è arrivato in Italia ha sì stravolto il mercato ma gli effetti dell’asse Italia-Spagna ahimè si ripercuotono ogni volta che si sfoglia un albo…

VOTO 6:

a Green Lantern – Rise of the Manhunters. Sto giocando l’attesissimo, dai fan, videogame di Green Lantern e devo dire che il prodotto non è del tutto da buttare: abbiamo per le mani infatti un hack/slash stile God of War, Ninja Gaiden solo che anziché usare armi da taglio di varia natura abbiamo a disposizione i costrutti creati dall’anello (che si potranno creare schiacciando i dorsali del joypad come in Marvel Ultimate Alliance o JL Heroes insomma) come lame rotanti,  martelli giganti, mitragliatrici e così via. L’impostazione è comunque molto arcade, anche se a tratti l’azione è un po’ frammentata dai troppi checkpoints, basti pensare che in alcuni livelli ci ritroveremo a volare e sparare stile vecchi sparatutto 2d con le navicelle spaziali…

I comandi sono responsivi, la grafica discreta (dovrebbe funzionare anche il 3d con gli occhialini del cinema ma io c’ho provato e non ho ottenuto un gran risultato) con qualche ingenuità ma almeno non ci sono grossi bug o glitch, le ambientazioni sono sostanzialmente 3 Oa, Zamaron e Biot e i nemici forse un tantinello ripetitivi nei modelli, discreta la IA di alcuni di essi, vero punto dolente è forse la difficoltà infatti a livello “medio” in poco meno di un paio d’ore ho raggiunto la missione 5 su 10 incontrando solo alla fine di essa la prima difficoltà ovvero il boss di fine missione…

In definitiva un prodotto consigliato ai fan di GL o a chi ama il genere picchiaduro a scorrimento, per gli altri non mi sento di consigliarlo a prezzo pieno magari attendetelo usato, non posso dirvi molto sulla versione italiana, lo sto giocando in inglese dato che Ryan Reynolds ha doppiato Hal Jordan, tuttavia temo per una localizzazione mediocre…certo rispetto a Thor questo è oro colato ma se come metro di paragone abbiamo Batman Arkham Asylum siamo lontani anche se lo sforzo di dare al pubblico un prodotto quantomeno giocabile e discreto dovrebbe essere apprezzato.

VOTO 5:

a Avenging Spider-Man. Qualche giorno fa la Marvel ha cercato di creare un pò di hype intorno ad un misterioso annuncio che poi si è materializzato in questa nuova serie mensile che partirà a novembre di Spider-Man di Zeb Wells e Joe Madureira…non so davvero cosa possa servire una testata di Spider-Man che promette di essere tutta azione, con fra l’altro presenti ogni mese comprimari d’eccezione come Wolverine o Hulk, vista le non proprio ottime acque in cui naviga già la serie principale sotto la guida di Dan Slott, è pur vero però che la Marvel travolta dagli annunci DC per settembre doveva pur controbbattere in qualche modo mi stupisce come sempre però la decisione della Marvel di puntare sui soliti triti e ritriti concept e personaggi che oggi sia Spider-Man o domani Wolverine non vedo quella voglia di puntare su altri personaggi ed allargare l’orizzonte dei proprio lettori.

VOTO 4:

a Me.Li. La situazione distributiva in Italia è una giungla. Con l’ingresso di Me.Li si sperava infatti che la concorrenza migliorasse il servizio sia per i clienti sia per le fumetterie invece Max Favatano di Mondi Sommersi (LE) riapre con questo intervento sul suo blog http://hulkspakk.blogspot.com/2011/06/librai-meli-vi-penalizza-fate-causa.html

una ferita mai chiusa ovvero la disparità di trattamento fra librerie specializzate, le nostre care vecchie fumetterie, e le librerie così dette di varia…

Ora non mi addentro nella questione, anche perché purtroppo/per fortuna non lavoro in una fumetteria e quindi non sono sicuro al 100% dei meccanismi con cui si lavora, tuttavia da cliente/consumatore non posso far altro che aggiungere che purtroppo la situazione distributiva non è nient’altro che lo specchio della situazione editoriale italiana, situazione desolante per scarsità di dinamismo, passione e conoscenza…

VOTO 3:

ai brossuratini Vertigo. Salutiamo, con l’uscita qualche settimana fa dell’ultimo numero di Y – L’ultimo Uomo, questo formato che Planeta inaugurò permettendo a molti lettori in maniera economica di iniziare a leggere la Vertigo. 3 come le opere complete pubblicate, Sandman Preacher ed appunto Y, a cui manca lo sfortunato e penso ormai incompleto Hellblazer…una scelta editoriale martoriata dai continui ritardi nelle uscite e dalla scelta di pubblicare poi delle stesse opere, quasi in contemporanea, volumi extra-lusso.

Queste erano le scelte editoriali che facevano gridare al miracolo per la discesa in Italia della Planeta poi però queste stesse  scelte editoriali facevano gridare Planeta tornatene a casa…

VOTO 2:

a Uncanny X-Men e The Incredible Hulks. 2 come le testate che la Marvel chiuderà nei prossimi mesi ovvero Uncanny X-Men in seguito agli eventi di Schism e The Incredibile Hulks con la fine della run di Pak…ora è sotto inteso che queste due testate ripartiranno dal #1 ma non erano gli stessi lettori Marvel che si lamentavano dei continui riazzeramenti della numerazione dei loro fumetti e/o non osavano avvicinarsi alla Distinti Concorrenza per lo stesso motivo? Incorregibili…

VOTO 1:

a Rob Liefeld. Il vecchio Rob è l’uomo del momento…sì perché il rumor che circola in questi giorni è che con i cospicui assegni che ha ricevuto per Hawk&Dove dalla Dc e The Infinite dalla Image sembra voglia resuscitare il suo EXTREME STUDIO e quindi sempre sotto l’egida della Image riprendere le pubblicazioni di personaggi come Prophet o Youngblood…alzi la mano chi ne sentiva la mancanza…

VOTO 0:

ai Teen Titans. Purtroppo non posso che rifilare “zero” al rilancio dei Teen Titans partorito dalla mente di Scott Lobdell…vi lascio solo con questa disgraziata immagine:

telegra_promo_mangaforever_2

5 Commenti

  1. due note :
    – American Gods è uscito in italia, e lo consiglio a tutti! ottimo romanzo!
    – il problema non è mai ricominciare una testata da 1, anzi .. svecchiare la numerazione ogni tanto fa bene, ma azzerare avvenimenti, storie e personalità dei personaggi .. cosa che la DC fa ogni 3 – 4 anni e che la Marvel ha tentato di fare solo una volta .. e sappiamo tutto cosa è uscito da OneMoreDay .. un’esperienza che, al contrario della Distinta COncorrenza, nn ripeteranno mai piu!

  2. Considero Neil Gaiman un ottimo scrittore, quando si tratta di fumetti. Meno per ciò che concerne la forma ‘romanzo’. American Gods e I Ragazzi di Anansi sono discreti ma, dal punto di vista letterario, non mi sembra che possano essere considerati grandi esempi di letteratura. Parere personale, ovvio.
    Riguardo la Marvel, penso che, al di là di rinumerazioni, azzeramenti, ret-con, reboot e così via (che coinvolgono sia la Marvel sia la DC), la Casa delle Idee, con qualche eccezione (vedi Brubaker) sia creativamente alla frutta e non solo da adesso ma almeno da cinque/sei anni. Non dico che la DC sia automaticamente migliore; ma mi pare che nel catalogo DC la monnezza abbondi meno rispetto a quella del catalogo Marvel. D’accordissimo, poi, sul fatto che questa non si apra a nuove proposte editoriali e insista sempre sugli stessi, stantii concetti… insomma, di Spider-Man e Wolvie non se ne può più. Anche questo, ovvio, è un parere personale. Ciao.

  3. Dispiace per la fine dei brossuratini Planeta: un’idea ottima per permettere a tutti di recuperare senza pesanti esborsi opere che sono entrate nella storia dei comics. Rode non vedere la continuazione di Hellblazer. E io che già mi pregustavo una riedizione di 100 bullets….Peccato, la planeta si sta dando la zappa sui piedi, e non solo per i brossuratini….

    Concordo con Sergio quando scrive che la Marvel è in un periodo di stanca. Non ho per niente digerito One more Day, che ho sempre ritenuto una mossa commerciale dettata da una palese mancanza di idee. Un colpo di spugna e via, torniamo indietro di 30 anni. E la crescita che c’era stata per Peter parker? Via anche quella? Sotto la gestione di Straczynski Peter era maturato molto e si aprivano nuovi scenari per il personaggio. Certo, alcune idee dello Stracz erano tirate, come la relazione Gwen Stacy- Norman Osborn, ma tutto sommato il personaggio aveva raggiunto uno spessore che da anni ci si sognava. Alzi la mano invece chi pensa che il Peter Parker di adesso non sia …scialbo??? Io almeno lo trovo alquanto incompiuto…boh, staremo a vedere…

    Oltre a Brubaker salverei anche Fraction.

    Voto 1 a Rob Liefeld? Troppo generoso, per lui ci vorrebbero i numeri negativi.

  4. Che dire…a me invece One More Day è sembrata una bellissima storia, molto intensa ! Sicuramente il Brand New Day ha avuto alti e bassi, ma adesso mi sembra che abbia ingranato la marcia giusta….
    Bisogna anche dire che in effetti la relazione tra Peter e MJ stava piuttosto ristagnando e la rossa finiva spesso per fare solo la parte della mogliettina preoccupata e apprensiva, tirando fuori poco della sua personalità.
    Il VERO errore, secondo me, fu quello di averli fatti sposare !!!
    Quanto alla nuova serie di Wells e Madureira, penso che la comprerò unicamente per i disegni ! *_*

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui