MangaForever inizia per voi una rubrica nella quale verrà analizzato il Multiverso DC Comics ed i suoi personaggi sotto il punto di vista della didattica scolastica.

Il Multiverso, meravigliosa composizione eterogenea di azioni, terre e momenti uno parallelo all’altro, teorizzato nel mondo della fisica da illustri e celebri scienziati, prende forma nell’immaginario collettivo sotto forma di fumetto, andando così a rappresentare uno straordinario contenitore di possibilità.

Nell’attuale Multiverso DC Comics circa 52 due terre parallele tra loro, inizialmente distanti anni luce una dall’altra, si incontrano improvvisamente a causa di eventi causati dagli abitanti delle stesse: e così Flash, il velocista scarlatto, attraverso la forza della velocità “apre” delle brecce che permettono ai vari mondi di scontrarsi, di entrare in collisione tra loro. La più famosa azione, inventata dagli scrittori, tra le tante possibili.

Si genera dunque un meraviglioso ordine caotico, dove tutto è possibile e l’unica legge che vige è l’insicurezza: eroi che si rispecchiano con un’altra parte di loro stessi ( i rispettivi “Doppleganger”) molto spesso diversa perché dettata da un contesto sociale diverso. O, semplicemente, persone che entrano in contatto con una nuova realtà prima invisibile e sconosciuta agli stessi.

Ci piace vedere questa incredibile possibilità e coesione di infinite possibilità come metafora del percorso scolastico che ogni studente attraversa nella vita. Che il primo giorno di scuola, si causi in lui quella “crisi” che nel Multiverso dà vita e origine alla Convergenza del mondo.

Ci piace pensare che un qualsiasi studente, attraverso la voglia e l’impegno, “apra” come Flash le brecce presenti nella sua mente e lasci che le conoscenze attraversino le varie terre: la Letteratura vista come Scienza, la Matematica nell’Arte, l’Informatica nella Fisica in un valzer infinito che forma la nostra persona, che forma la nostra mente. Un universo caotico ed eterogeneo di discipline che, nel loro insieme, non riescono più a distinguersi.

In quel momento quindi non si avranno solo due occhi, non si avranno solo un paio di occhiali con lenti intercambiabili a seconda della materia, ma una splendida vista multifocale che sa cogliere in ciò che lo circonda la vera essenza, in tutte le sue possibili sfaccettature.

Per questo, il Multiverso in un mondo fumettistico rappresenta la possibilità per mettere in pratica ciò che si è appreso: Wonder Woman analizzata storicamente, Hawkman dal punto di vista poetico, Flash da quello fisico e così via. Una sola delle tante possibili strade che ora finalmente, con degli occhi migliori, possono essere “viste”.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui