I giocatori russi potrebbero dire definitivamente Dasvidanya a Pokémon go!

La Russia ha paura di Pokémon GO! Nonostante l’app non sia ancora disponibile nel paese, il governo teme le ripercussioni che il gioco potrebbe avere sulla società russa.

Secondo quanto rivelato dal Moscow Times, Nikolai Nikiforov, il ministro delle comunicazioni e Mass Media russo, avrebbe rivelato che l’utilità primaria del gioco sarebbe quella di “collezionare” le informazioni dei giocatori. Secondo il ministro, dietro all’App ci sarebbero nientemeno che i servizi segreti americani (la CIA).

Anche Denis Voronenkov, leader del partito comunista, teme che dietro al gioco della Niantic vi sia un programma di spionaggio dei cittadini.

Frants Klintsevich, un membro del parlamento russo, getta (molta) benzina sul fuoco affermando:

È come se il diavolo fosse arrivato attraverso i Pokémon, e stesse cercando di strappare la nostra moralità dall’interno.

Andrei Polyakov, il leader del grupo ultra-conservativo, Cossack, attacca il gioco sottolineando quanto sia importante che la Russia mantenga i suoi cittadini al di fuori del mondo virtuale, che, indovinate un po’, rappresenterebbe proprio il demonio.

In compenso, però, la città di Mosca rilascerà entro la fine di agosto una sua versione di Pokémon GO. Nel quale, al posto dei Pokemon, i giocatore potranno catturare alcuni dei personaggi che hanno fatto la storia del paese, come: Pietro il Grande, Ivan il Terribile ed anche Napoleone Bonaparte. L’app nasce con l’intento di puntare i riflettori sul patrimonio culturale della capitale russa.

Fonte: Comicbook.comMoscow Times

telegra_promo_mangaforever_2

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui