L’industria del fumetto rinasce: raggiunto il miglior risultato mensile dopo due decadi

1
8,5 milioni di copie vendute nel mese di Giugno 2016, il miglior risultato dopo Dicembre 1997.

Negli ultimi giorni abbiamo riportato due importanti notizie: il calo delle vendite nel 2015 per i fumetti digitali e il raggiungimento di un miliardo di dollari guadagnati in fumetti e graphic novel cartacei. Tutto questo negli Stati Uniti.

Oggi, apprendiamo un’altra grande notizia: The Washington Post riporta, infatti, come l’industria del fumetto sia rinata del tutto, raggiungendo il miglior risultato mensile dopo ben due decadi.

Fino a oggi, infatti, il miglior risultato mensile è rimasto quello del Dicembre 1997, stando all’analista John Jackson Miller del blog ComiChron. E ora, grazie all’interesse sempre maggiore per il mondo del fumetto, l’aumento delle vendite degli ultimi cinque anni ha portato il mese di Giugno 2016 a essere uno dei migliori dopo anni.

I rivenditori hanno raggiunto una quota di 8,5 milioni di copie vendute da ben 300 titoli, il numero più alto dopo il Dicembre 1997, quando fu raggiunta la quota di 9 milioni, spiega Vulture.

Un incremento del 42% da cinque anni a questo mese e del 56% da quindici anni, scrive Miller. Il risultato è da attribuire all’uscita di molti Numeri Uno nel mese di Giugno dalle due principali major del mercato americano, Marvel e DC Comics, che hanno raggiunto rispettivamente una quota di 381.737 copie per Civil War II #1 e 280.360 per Batman #1, che apprendiamo grazie a IGN.

Nonostante il calo registrato nelle vendite dei fumetti digitali, l’acquisizione da parte di Amazon di comiXology ha permesso un aumento delle vendite da 70 milioni a 90 milioni di dollari, stando a New York Times.

Secondo Milton Griepp di ICv2, il fattore che più ha contribuito a questo successo è il numero sempre maggiore di film e serie TV basati sui fumetti, che hanno allargato il pubblico, raggiungendo donne e bambini.

Il fumetto americano ha, poi, saputo raggiungere determinate minoranze negli Stati Uniti, puntando alla diversità anche nei suoi protagonisti, non a caso DC Comics ha annunciato recentemente una nuova miniserie per Vigilante e il protagonista è un giovane ragazzo nero. In più, il primo numero della nuova serie Marvel su Black Panther, anche grazie al suo debutto cinematografico in Captain America: Civil War, ha permesso di raggiungere nel mese di Aprile la quota di 253.000 copie vendute.

telegra_promo_mangaforever_2

1 commento

  1. Dati falsati al massimo, dal fatto che ogni mese escono centinaia di cover variant, e questo comporta un aumento delle vendite, non un aumento dei lettori, visto che se 10.000 lettori comprano ciascuno 100 cover, non significa che ci siano 1.000.000 di lettori, ma sempre i soliti folli 10.000 che tirano la carretta da soli

    Questo portò la Marvel degli anni ’90 alla bolla speculativa che la fece quasi fallire (e che li obbligò a vendere per un tozzo di pane i diritti cinematrografici di Uomo Ragno, X-men ecc. … alla concorrenza, e che ancora oggi fa mordere le mani alla Disney), mi aspetto lo stesso risdultato a breve pure per la DC comics.

    C’è poco da esultare, secondo me

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui