Il primo Pay-Per-View estivo della WWE si è svolto la scorsa notte tra il 19 e 20 Giugno presso il “T-MOBILE Arena” in quel di Las Vegas (Nevada). Dean Ambrose diventa Mr. Money in the Bank e incassa la valigetta la stessa sera diventando il nuovo Campione del Mondo dei Pesi Massimi WWE. AJ Styles ha la meglio su John Cena.

La scorsa notte la WWE ha offerto una serata emozionante con match intensi e spettacolari e ricchi di colpi di scena, novità e wrestling di qualità. Money in the Bank è caratterizzato dal fatto che annualmente viene messa in palio una valigetta che se vinta, consente al portatore di ottenere una possibilità di divenire il WWE World Heavyweight Championship e in questa edizione, l’ha vinta Dean Ambrose, incassandola poco più tardi, divenendo l’attuale Campione mondiale dei Pesi Massimi WWE.

Ma andiamo con ordine.

Lo show si apre con il New Day che, impegnati nella difesa delle loro cinture di coppia in un Fatal 4-Way Match contro il Club, i Vaudevillains ed Enzo & Cass, riescono anche stavolta a vincere e a mantenere il loro lungo Regno da Campioni, nato lo scorso Agosto 2015.

Successivamente, il ring è occupato da Baron Corbin e Dolph Ziggler in un single match e dopo un confronto feroce e maggiormente dominato da Corbin, quest’ultimo batte il suo avversario con la “End of Days”.

Spazio alle donne in un Tag Team Match non titolato tra la Campionessa Charlotte & Dana Brooke contro Becky Lynch e Natalya. Il match è all’inizio, abbastanza equilibrato nel quale però entrambi i Team devono pagare a caro prezzo le rispettive distrazioni.

Il match poi si mette sulla giusta careggiata per il team della Campionessa che riesce accidentalmente, a far colpire contemporaneamete la Lynch e Natalia. Il confronto finisce con la vittoria di Charlotte e della Brooke e come se non bastasse, Natalya delusa dalla sconfitta, decide di colpire ferocemente la sua alleata Lynch, voltandole le spalle.

Dopo il match femminile, spazio ad un confronto tra Apollo Crews che rappresenta la nuova Era e Sheamus che rappresenta la vecchia. Lo scontro è vinto da Crews che schiena il suo avversario di rapina dopo una contesa equilibrata.

E’ tempo di Dream Match: AJ Styles contro John Cena.

Il match fa fatica a cominciare per via del pubblico che non fa altro che urlare e cantare i nomi dei due performer, favorendo l’emozione e l’apprezzamento da parte di questi ultimi.

I due si fissano e cominciano a combattere, mettendo tutto il loro repertorio nel quadrato. Cena deve subire la velocità e le tecniche sopraffine di Styles mentre quest’ultimo deve incassare la stazza e soprattutto la perseveranza di Cena. I due wrestler si spingolo oltre i loro limiti, colpiscono e incassano senza sosta con il pubblico che ci mette del suo in termini di incoraggiamento.

Cena e Styles arrivano persino a ricorrere più volte alle loro finisher ma mentre Cena sta per porre fine a tutto attraverso la sua Attitude Adjustment, egli colpisce l’arbitro che va fuori dal ring. Cena tenta di schienare Styles ma non c’è l’arbitro che può contare.

In quel momento intervengono in silenzio gli alleati di Styles, Gallows ed Anderson che infieriscono violentemente su Cena per poi fuggire. Styles si rialza, schiena Cena e vince la contesa ma non al 100% con le sue forze.

Uno dei match tanto attesi è quello per la valigetta del Money in the Bank che consente al vincitore di avere una possibilità per il WWE World Heavyweight Championship in ogni momento e in ogni modo. Gli sfidanti sono sei: Dean Ambrose, Sami Zayn, Kevin Owens, Cesaro, Alberto Del Rio e Chris Jericho.

Il match inizia subito senza esclusione di colpi con i sei che vogliono prima mettere ognuno alle corde e poi salire sulla scala per vincere. Si nota subito l’esperienza di Del Rio e Jericho che apparecchiano la tavola per la vittoria finale.

Lo svizzero Cesaro è quello che da più spettacolo, è una trottola e mette ko gli avversari come suo solito, con stile e potenza. Sami Zayn, Dean Ambrose e Kevin Owens danno un grande contributo soprattutto con le loro mosse caratteristiche.

Il match si infuoca, Zayn più di una volta mette le mani sulla valigetta ma sul più bello viene rilanciato a terra. Infine tutti e sei si ritrovano sulla stessa scala ma Zayn, Jericho, Cesaro e Del Rio capitolano e a rimanere in vita sono Ambrose e Owens.

Quest’ultimo, dopo vari colpi, va giù e consente a Dean Ambrose di staccare con tutta calma la valigetta e vincerla.

Spazio al match tra Rusev che deve difendere la sua cintura degli Stati Uniti contro Titus O’Neil. La contesa comincia bene per Titus che colpisce con furia il Campione bulgaro ma si fa prendere dala foga e questa gli gioca un brutto tiro mancino.

Rusev (C) gioca anche psicologicamente con il suo avversario e al momento apportuno, dopo vari danni fisici, lo batte con la sua mossa di sottomissione, mantenendo il Regno di Campione degli Stati Uniti.

Ed ora è finalmente tempo di Main Event nel quale Roman Reings (C) deve difendere il suo WWE World Heavyweight Championship contro Seth Rollins, ex alleti dello Shield. E’ un match storico non solo per il titolo in palio ma anche perchè c’è un conto in sospeso che dura da un po’.

Il match è gestito inizialmente da Reigns che ci va subito giù pesante con pugni e bracci tesi che sembrano funzionare sul neo rientrato Rollins. Tuttavia, quest’ultimo incassa e anche bene ma reagisce e nel frattempo studia la situazione e identifica il momento in cui colpire.

Reigns tiene ancora in mano il match ma comincia a sentire la frustrazione perchè non riesce a schienare definitivamente il suo avversario.

Dopo un tentativo di Spear, Rollins lo schiva e Reigns finisce dritto contro le barricate. Arriva il momento di Rollins, colpisce Reigns più volte con la sua agilità e voglia di vittoria e mentre il Campione lo sta per colpire con la Spear, Rollins si divincola ancora e lo atterra col Pedigree.

Rollins assapora profumo di cintura, perciò riesegue un altro perfetto Pedigree su Reigns che incredibilmente gli regala la vittoria. Seth Rollins è il nuovo Campione vincendo per la seconda volta, il WWE World Heavyweight Championship!

Ecco nel dettaglio, i risultati del Pay-Per-View:

KICK-OFF:

  • KICK-OFF – TAG TEAM MATCH: The Golden Truth VS Breezango. VINCITORI: The Golden Truth.
  • KICK-OFF – TAG TEAM MATCH: The Lucha Dragons VS The Dudley Boyz. VINCITORI:  The Lucha Dragons.

PAY-PER-VIEW:

  • FATAL 4-WAY MATCH PER IL WWE TAG TEAM CHAMPIONSHIP: The New Day (C) (Big E, Kofi Kingston e/o Xavier Woods) VS The Club VS Enzo Amore & Big Cass VS The Vaudevillains. VINCITORI: The New Day (C).
  • SINGLE MATCH: Dolph Ziggler VS Baron Corbin. VINCITORE: Baron Corbin.
  • TAG TEAM WOMEN’S MATCH: Charlotte (C) & Dana Brooke VS Natalya & Becky Lynch. VINCITRICI: Charlotte (C) & Dana Brooke.
  • SINGLE MATCH: Apollo Crews VS Sheamus. VINCITORE: Apollo Crews.
  • SINGLE MATCH: John Cena VS AJ Styles. VINCITORE: AJ Styles.
  • MONEY IN THE BANK LADDER MATCH VALIDO PER IL CONTRATTO AD UN MATCH PER IL WWE WORLD HEAVYWEIGHT CHAMPIONSHIP: Dean Ambrose VS Kevin Owens VS Cesaro VS Sami Zayn VS Chris Jericho VS Alberto Del Rio. VINCITORE: Dean Ambrose.
  • SINGLE MATCH PER IL WWE UNITED STATES CHAMPIONSHIP: Rusev (C) (con Lana) VS Titus O’Neil. VINCITORE: Rusev (C) (con Lana).
  • SINGLE MATCH PER IL WWE WORLD HEAVYWEIGHT CHAMPIONSHIP: Roman Reigns (C) VS Seth Rollins. VINCITORE: Seth Rollins (Nuovo Campione).

Ma non è finita qui! Dopo il Main Event per il WWE World Heavyweight Championship tra Roman Reigns e Seth Rollins vinto da quest’ultimo, a fare irruzione nel ring è proprio Dean Ambrose che fresco di vittoria della valigetta del Money in the Bank, la incassa e ottiene il match per la cintura del mondo dei pesi massimi WWE.

Di fronte ad un Rollins chiaramente sfinito, Dean Ambrose non si sforza molto per batterlo. Infatti quest’ultimo eseguire un Dirty Deeds su Rollins e vince per la prima volta nella sua carriera in WWE, il WWE World Heavyweight Championship.

Ecco due tweet che sintetizzano la fine di Money in the Bank 2016.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui