Si è ormai conclusa la parte più scoppiettante dell’E3 2016, almeno per noi che lo seguiamo da casa, quella costituita dalle conferenze dei vari publisher. Tra EA, Bethesda, Microsoft, Ubisoft e Sony la carne messa al fuoco è veramente tanta, al ritmo di storici ritorni ed esaltanti nuove proprietà intellettuali. E per quanto sia semplice indicare quali panel abbiano saputo meglio valorizzarsi con annunci interessanti ed una buona gestione del ritmo è molto più difficile fare una cernita su quali novità e non abbiamo meritato la completa attenzione del pubblico e dei videogiocatori. Vediamo quindi quali annunci ci hanno stupito e meravigliato di più.

Teodoro Cidonio:

God Of War – Quando un ritorno è così spettacolare, difficile che non sia anche chiacchierato, come è accaduto per l’ultimo progetto in divenire presso gli studi di Sony Santa Monica. Certo Kratos è tornato, ma è anche cambiato parecchio, con una nuova visuale e nuove caratteristiche action. Oltre alla barba il guerriero greco ha infatti guadagnato un mondo più vasto, la possibilità di esplorare gli ambienti ed un figlio. Già, perché con questo nuovo capitolo della saga l’obiettivo degli sviluppatori è quello di creare un gioco su “Kratos che insegna al figlio a diventare un dio, e su quest’ultimo che insegna a Kratos a tornare umano”.

Tutti questi cambiamento potrebbero indisporre i fan di vecchia data, ma è altresì fuori dubbio che fosse necessario un certo grado di rinnovamento per il franchise. Ed a questo punto gli esiti possibili sono sostanzialmente due: o Kratos mantiene la sua identità e riesce così a cambiare senza perdere ciò che fin dal primo capitolo aveva fatto innamorare i giocatori o ciò che ne verrà fuori sarà un titolo nuovo e diverso che di God Of War ha però solamente il nome.

maxresdefault

Horizon Zero Dawn – Che si può dire di un gioco che ad ogni apparizione riesce sempre a meravigliare il pubblico? Se già al suo annuncio lo scorso E3 il nuovo titolo dei creatori di Killzone aveva affascinato tutta la fiera grazie ad uno spezzone di gameplay ben riuscito, con gli ultimi trailer ed i video di giocato ha definitivamente convinto gli addetti ai lavori. Certo, manca ancora molto tempo prima della sua uscita ma quello che ci ritroviamo per le mani ha ora tutta l’aria di essere una delle esclusive più promettenti in arrivo su Playstation.

Project Scorpio – Sarà strano per molti, ma l’annuncio della nuove console in lavorazione presso Microsoft ha tutte le caratteristiche per cambiare definitivamente le regole del mercato. E’ vero che sono passati solo 3 anni dall’arrivo nei negozi di Xbox One e Playstation 4 ed è anche vero che una buona fetta dell’utenza non vede di buon occhio l’arrivo di nuove macchine ma l’idea che nel 2016 le console possano avere un ciclo di vita di addirittura sei o sette anni è semplicemente irrealistica.

Così, seguendo le orme tracciate dal mercato mobile, è probabile che nei prossimi anni si arrivi a generazioni più corte in cui ai giocatori vengano offerte più possibilità di scelta in base alla potenza dell’hardware. Project Scorpio è un passo in questo senso, con una potenza bruta impressionante e la coesistenza con Xbox One e One  S permetterà l’arrivo nelle nostre case della vera next-gen. E mentre attendiamo notizie su Playstation Neo la compagnia di Redmond ha fatto la prima mossa.

The Last Guardian – Dopo quasi 10 anni è finalmente arrivato il momento tanto atteso dai fan di Fumito Ueda, storico creatore di videogiochi come Ico e Shadow of The Colossus. Ad accogliere la data di uscita proiettata sullo schermo dello Shrine Auditorium c’è stato un boato proveniente dal pubblico, consapevole di dover aspettare solo qualche altro mese prima di mettere le mani sulle avventure di Trico. E nonostante le critiche riguardanti l’impatto visivo che appare datato la sensazione è che anche in questo nuovo titolo del team Ico ciò che lo renderà indimenticabile sarà ben altro.

the-last-guardian-screen-06-ps4-eu-16jun15

Vampyr – Con il successo ottenuto grazie a Life Is Strange, Dontnod Entertainment si è imbarcata in un nuovo progetto ancora più ambizioso e forse ancora più affascinante. Una Londra tetra ed oscura afflitta dall’influenza spagnola fa da sfondo alla vita di un medico che diventato vampiro deve predare le persone che egli stesso fino a poco prima cercava di salvare.

A convincere particolarmente sono le meccaniche di gioco, in particolar modo quelle legate alle decisioni da poter prendere lungo il corso dell’avventura e quelle legate alla trasformazione degli ambienti in base alle nostre azioni. L’asticella per questo prodotto è molto alta, ma se i precedenti lavori possono servire da indicazione ben pochi sono i dubbi che la software house francese può lasciare nelle menti dei giocatori.

Continua a leggere, gira pagina

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui