J.K. Rowling risponde alle critiche sull’Hermione di colore: “Un branco di razzisti”

2
Harry Potter and the Cursed Child andrà in scena al Palace Theatre di Londra da luglio 2016, con diverse anteprime che partiranno dal 7 giugno.

Fin dal primo momento in cui è stato annunciato il cast del nuovo spettacolo teatrale di Harry Potter, si sono susseguite critiche su critiche nel vedere Hermione interpretata dall’attrice di colore Noma Dumezweni.

Già tempo fa J.K. Rowling giustificò tale scelta, affermando che nei libri non vi è alcuna menzione all’etnia di Hermione. Ma le critiche non si sono tuttavia pacate.

Ora, a poche ore dalla prima anteprima dello spettacolo, la Rowling torna a parlare dell’argomento durante una intervista al The Guardian.

A causa della mia esperienza con i social media, avevo già immaginato che gli idioti avrebbero fatto gli idioti. Ma che ci volete fare? È così che va il mondo. Noma è stata scelta perché è la migliore attrice per il ruolo.

Un branco di razzisti mi ha detto che dal momento che Hermione è “diventata bianca” – proprio così, ha perso il colore dalla faccia dopo uno shock – deve essere interpretata da una donna bianca. Ed è stato difficile per me mantenere la calma. Ma ho deciso di evitare di agitarmi troppo, ed ho continuato ad essere fermamente convinta che Hermione può essere una donna di colore con la mia assoluta benedizione.

John Tiffany, che ha scritturato la Dumezweni, si è rivelato sorpreso dalle critiche ricevute.

Twitter non mi è così familiare come lo è a Jo e Jack, quindi non ho mai sperimentato il suo lato oscuro, che è semplicemente orribile. Ma la cosa che mi ha scioccato è stato il vedere come le persone non-bianche non possano essere gli eroi di una storia.

Harry Potter and the Cursed Child è basato su una nuova storia originale di J.K. Rowling, Jack Thorne e John Tiffany, ed è l’ottava capitolo ufficiale nella saga di Harry Potter.

telegra_promo_mangaforever_2

2 Commenti

  1. Veramente, in occasione del Ballo del Ceppo, la descrive come fair-skinned… forse è la mia edizione razzista? Vabbé, io non ho nulla in particolare contro l’attrice, che è una delle mie preferite, è teatro dopotutto! Quello che mi avvelena il dente è la paraculata della Rowling nel dire “non ho mai detto fosse bianca”, quando ha scelto attori “fedelissimi ai personaggi” nei primi libri, e fatto intendere che Hermione fosse bianca in risposta a quella parte dei fan che dall’inizio la voleva nera. Dopo aver smentito chi voleva Hermione nera per 15 anni, fra interviste e quant’altro, adesso Hermione è nera. OK. I libri dicono ben altro, ma l’autrice sei tu. Però che ti ci sono voluti 3 fottuti giorni per dire che “è la migliore” di un’attrice di fama internazionale, quando avresti messo tutti a tacere sin da subito non lo dimentico!

  2. L’autrice da degli idioti agli altri, ma è la prima ad essere idiota a non avere compreso il punto, o forse fa finta di non capirlo, o forse c’è di mezzo altro. Un’imposizione sul metterci per forza una faccia nera in mezzo ai bianchi, come succede spesso (vedi Heimdall di Thor, per dirne uno, che nei fumetti non è nero)? Non lo so, fatto sta che se un personaggio è nato, cresciuto in un modo, e poi lo stravolgi dopo 15 anni, l’incazzatura è automatica. Ma NON per razzismo, non perchè non piaccia il fatto in sè del “nero”. Ma proprio per il fatto di stravolgere e cambiare le cose in questo modo. Se fosse stata nera all’origine (e anche nelle descrizioni dei libri, ove non fa certo intendere esserlo, anzi, il contrario), e avessero deciso oggi di cambiarla facendola diventare bianca, la reazione sarebbe stata la stessa! Quindi non c’entra il razzismo. In egual modo farebbe arrabbiare un super cattivo amato dai fan, che di punto in bianco e senza alcun motivo (ma perchè gira così all’autore) viene stravolto e diventa “buono”. Sono cose che i fan detestano, perchè minano la coerenza e perde credibilità!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui