Sempre più frequentemente manga ed anime vengono adattati in film live-action. Ma altrettanto frequentemente questi film suscitano le critiche dei fan che, non apprezzando il lavoro finale, li definiscono non all’altezza dei prodotti dal quale sono tratti.

Hiroya Oku, scrittore e disegnatore della serie manga Gantz, spiega tramite un paio di tweet cosa pensa degli adattamenti in live-action di anime e manga, e come mai, nonostante ricevano critiche, continuano ad aver un buon successo al box-office giapponese.

https://twitter.com/hiroya_oku/status/736762052820111366?ref_src=twsrc%5Etfw

Perché vengono realizzati tutti questi adattamenti forzati in live action dei manga? Perché se fai un live action su una serie di una certa importanza ed inserisci nel cast un protagonista di bell’aspetto, anche se la storia e la messa in scena non sono nulla di che, stai pur certo che tantissime persone andranno a vederlo!
Fin dalle primissime fasi di realizzazione di questi film, nessuno pensa ai fan più accaniti delle serie da cui sono tratti.

Lo stesso lavoro di Oku, Gantz, ha ricevuto due adattamenti in live action nel 2011, ma secondo l’autore in quel caso ci troviamo di fronte ad una situazione completamente diversa.

Gli adattamenti di Gantz e I Am a Hero non sono forzati a causa dei loro elementi realistici. I personaggi principali sono giapponesi e il tutto è ambientato in Giappone, quindi le riprese possono essere fatte nelle effettive località esistenti. Mentre è impossibile realizzare un buon film che ricrei l’impostazione, e la visione del mondo, di uno shonen manga fantastico.

In poche parole, secondo il parere di Hiroya Oku bisognerebbe adattare in live action quei manga ambientati in Giappone e con protagonisti giapponesi, per rendere il lavoro finale meno “forzato” e più realistico.
Voi siete d’accordo? Scriveteci nei commenti cosa ne pensate?

Fonte: Rocketnews24.com

Copyright foto Hiroya Oku/Shueisha

 

telegra_promo_mangaforever_2

1 commento

  1. “nessuno pensa ai fan più accaniti delle serie da cui sono tratti”

    già con questa frase hai propio distrutto tutto il tuo condivisibile commento, i fan piu’ accaniti il live action manco lo vogliono e in caso contrario sono incontentabili o estremamente esigenti, non sapendo “o fingono di non sapere” che il manga/anime e il live-action sono due mondi distinti ognuna con le propie regole.

    Preferisco una rielaborazione di tutto ma fatto bene che una fedeltà al 100% che in live tocca sempre l’effetto trash.

    “Mentre è impossibile realizzare un buon film che ricrei l’impostazione, e la visione del mondo, di uno shonen manga fantastico.”

    chiaro riferimento al live di Attack on Titan e Full Metal Alchemist

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui