Il premiatissimo fumetto di Jillian e Mariko Tamaki nel mirino delle autorità scolastiche dello stato USA dopo le lamentele di un genitore preoccupato per i suoi contenuti.

Ricordate quando Persepolis, Sandman e Y: The Last Man rischiarono di essere banditi da un’università californiana perché una studentessa non riusciva a sopportare di dover leggere di omosessualità e sesso? E della classifica annuale dei libri più “contestati” delle biblioteche USA, che lo scorso anno vedeva la presenza di tre fumetti? Siamo di fronte a un altro caso del genere.

Una madre della contea Seminole, in Florida, ha trovato la figlia di 9 anni a leggere …E la chiamano estate di Jillian e Mariko Tamaki (pubblicato in Italia da Bao Publishing e negli USA da First Second), fumetto che la bambina aveva preso in prestito dalla biblioteca della sua scuola elementare.

L’apprensivo genitore ha dato un’occhiata al volume ed è evidentemente rimasta scioccata da quello che ha visto, dato che ha immediatamente avvertito le autorità scolastiche per lamentare che ai bambini venisse dato materiale, a suo dire, scandaloso. Il libro è stato di conseguenza rimosso dalla biblioteca della scuola.

nessuno pensa ai bambini

Come fanno notare da ComicsBeat l’aspetto più inquietante della faccenda non è che una madre, piuttosto che non far leggere a sua figlia un fumetto (suo pieno diritto), abbia tolto a tutti gli altri studenti la possibilità di farlo; ma che in questo abbia trovato l’appoggio delle autorità e dei media, come la rete tv WFTV 9 che ha messo in piedi un'”indagine” i cui risultati introduce con la frase:

Il libro è pieno di oscenità e situazioni a sfondo sessuale.

L'”indagine” continua poi con la “notizia” che, benché …E la chiamano estate sia stato tolto dalle scuole elementari della contea, rimane ancora nelle biblioteche di tre licei, da cui però potrebbe essere rimosso presto come richiesto sempre dalla madre preoccupata che i rappresentanti del distretto scolastico hanno ringraziato per la solerzia.
Se, forse, …E la chiamano estate affronta argomenti un po’ troppo complessi per un bambino di 10 anni, ci risulta però incomprensibile perché debba essere proibito anche per dei liceali.

Tanto più che il Comic Book Legal Defense Fund, organizzazione che si occupa di difendere fumetti e fumettisti da censure e processi per la loro arte, ha messo online pagine  pagine di istruzioni su come spiegare a genitori e personale di biblioteche e scuole il valore di opere come …E la chiamano estate per evitare che finiscano vittime di cacce alle streghe. Consigli evidentemente rimasti inascoltati.

E-LA-CHIAMANO-ESTATE-cover

…E la chiamano estate è la storia di una vacanza estiva tra l’infanzia e l’adolescenza che inevitabilmente cambierà la vita di due amiche, e affronta temi come la scoperta della sessualità e le prime attrazioni fisiche, o le prime scorribande in territori “proibiti” dai genitori: film horror, parolacce…
Il romanzo illustrato delle cugine Tamaki è stato onorato come finalista dei prestigiosi premi letterari Printz e Caldecott (il primo dei quali è dedicato espressamente alla letteratura Young Adult, per giovani lettori) e ha vinto inoltre un premio Eisner e il Gran Guinigi di Lucca.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui