Barbanera, Orso Bartholomew, Jewelry Bonney… Eiichiro Oda ha studiato la storia della pirateria per creare alcuni dei filibustieri che Rufy e soci affrontano nel suo manga.

Per diversi secoli i mari del globo sono stati solcati da vascelli pieni di ricchezze… e altri a caccia di quelle ricchezze. Pirati, dalle vite avventurose e dai nomi coloriti: fonte perfetta di ispirazione per creativi, scrittori, registi e fumettisti. Tra questi Eiichiro Oda che in One Piece ha “inserito” personaggi che condividono nomi o sembianze di veri bucanieri (oltre a crearne a decine, ovviamente).

Rebecca Silverman di Anime News network ha scartabellato gli archivi e ha trovato i “progenitori” del mondo reale di alcuni dei pirati di One Piece. Vi consigliamo di leggere QUI il suo articolo, pieno di interessanti aneddoti; ve ne proponiamo qualcuno:

blackbeard one piece

Marshall D. Teach alias Barbanera è ovviamente ispirato al celebre pirata che ha portato tra XVII e XVIII secolo lo stesso soprannome e quasi lo stesso nome: Edward Teach. Il vero Teach fu veramente un pirata temuto da tutto il mondo, e seminò terrore e caos sulle coste degli Stati Uniti.

Contrariamente alla sua controparte disegnata, però, sembra che fosse un uomo con dei principi e che non abbia mai ucciso o maltrattato un prigioniero.

Morì dopo un combattimento in cui riportò quasi 30 ferite (fonte d’ispirazione evidente per la morte di Barbabianca in One Piece) a soli 38 anni e avendo catturato più di 140 navi.

bellamy one piece

Anche il “vero” Samuel Bellamy era in realtà molto diverso dall’arrogante Iena Bellamy creato da Oda: Samuel fu per anni la nemesi della Royal Navy inglese, che arruolava a forza giovani poveri sulle sue navi, e veniva visto a inizio 1700 come una specie di Robin Hood da coloro che mal sopportavano la prepotenza e le malefatte spesso impunite dei militari.

alfhildr one piece

Alvida, uno dei primi avversari di Rufy, è quasi omonima di Alfhidr (o Alwida), principessa danese del X (o del V) secolo che fuggì da un matrimonio combinato e si diede alla pirateria radunando intorno a sé una ciurma di altre donne.

La sua storia fa ormai parte delle leggende folcloristiche nordiche.

newgate one piece

Barbabianca, Edward Newgate, è invece un nome composito: Edward, come abbiamo visto, era il nome del vero Barbanera, mentre Newgate era un carcere di Londra nel quale, in 700 anni di attività, finirono sicuramente numerosi pirati.

sadigoat one piece

C’è poi Sadie, la guardia/dominatrice di Impel Down.

Il suo nome vine da una piratessa di New York del 1800, ‘Sadie la Capra’, chiamata così perché… la sua tecnica di offesa preferita era tirare capocciate agli avversari.

baortholemew one piece

Chiudiamo con Orso Bartholomew, che porta il nome di Bartholomew Roberts alias Black Bart: un pirata dalla carriera impressionante con più di 400 navi catturate famoso per lo stile impeccabile nel vestirsi e maniaco delle regole: tra quelle che aveva imposto al suo equipaggio c’è “Tutti a letto alle 8”, “Il gioco d’azzardo è vietato” e “I musicisti possono riposare solo la domenica”.

Rebecca Silverman riporta anche una interessante voce su Black Bart: secondo alcuni, Bart sarebbe stato in realtà una donna, e la sua passione per gli abiti carichi e sfarzosi sarebbe stata un trucco per camuffare il suo aspetto.

Che anche Kuma-Orso Bartholomew sia (fosse, ormai di umano ha ben poco) una lei? Forse lo sa solo il dottor Vegapunk…

Immagini di Rebecca Silverman.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui