In Principessa Mononoke ci sono i lebbrosi? Miyazaki dice la sua

0
Hayao Miyazaki ha confermato una teoria appoggiata da molti fan sul film “Principessa Mononoke”.

Da molto tempo girava ormai una teoria o una “leggenda urbana” sulla presenza della lebbra in “Principessa Mononoke” e finalmente il leggendario regista Hayao Miyazaki ha dato una risposta a riguardo, confermando le ipotesi dei fan.

Questa teoria si è espansa molto in Giappone ed è nata su un sito giapponese di leggende urbane sullo Studio Ghibli, che ha fatto notare che coloro che sono bendati nella fattoria di Tatara sono dei lebbrosi.

A rafforzare la tesi del sito è stata l’analisi della parola con cui sono descritti i bendati, che nella versione giapponese è “gyobyo”, cioè “malattia incurabile” ma può anche significare “subire le conseguenze”. Quest’ultimo significato ricondurrebbe alle discriminazioni di cui sono vittime i malati di lebbra.

“C’è una scena in cui uno dei pazienti dice: “Eboshi è stato l’unico che ci ha salvati e ci ha lasciato restare qui quando non avevamo un altro luogo in cui andare”, scrive ancora il sito di leggende, “questo fa riferimento al fatto che loro hanno una malattia incurabile e sono discriminati dagli altri ovunque essi vadano.”

Domani 31 Gennaio sarà la Giornata Mondiale della Lebbra e tutti i network di news giapponesi riportano che alla luce dell’evento in arrivo, il famoso animatore ha confermato che la malattia e come siano trattate le persone che ne soffrono sono stati di grande ispirazione.

Miyazaki ha visitato un ricovero per persone affette dal morbo di Hansen a Tokyo e ha parlato con ex pazienti che erano stati curati così da attingere alle loro esperienze per la realizzazione del film. “Mentre realizzavo Principessa Mononoke ho pensato che dovevo mostrare le persone che sono malate di quella che è chiamata una malattia incurabile ma che vivono comunque nel miglior modo possibile” ha detto il regista.

Fonte: Kotaku

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui