La matita di Joann Sfar: il fumetto delle stragi di Parigi

Pubblicato il 27 Gennaio 2016 alle 18:30

Joann Sfar è uno dei tanti scrittori che davanti all’orrore e le atrocità di Charlie Hebdo prima e del Bataclan poi, ha deciso di prendere in mano la matita, per cercare a modo suo di dare un senso ai tragici eventi che si sono abbattuti su Parigi.

Fumettista, regista e romanziere, tramite la sua arte nello scrivere, ha cercato una “trait d’union” tra l’esistenza di Dio e il male che ha paralizzato ognuno di noi, incapaci di trovare spiegazioni logiche davanti a queste carneficine di uomini, donne e bambini.

Così, avvolto dalla ricerca di un perché tutto questo sia accaduto e per trovare allo stesso tempo un senso nella fede smarrita e nell’esistenza di Dio, ha deciso di pubblicare il suo ultimo capolavoro fumettistico.

Dall’8 gennaio scorso Sfar è in libreria con “Se Dio esiste” (Rizzoli Lizard); nell’edizione italiana troviamo una fantastica selezione di disegni inediti, insieme ai suoi pensieri scritti di primo getto, immediatamente dopo le stragi.

Tutto questo fermento ha portato il lui un grande dilemma e in tal senso l’autore ha cercato rifugio nella fede per trovare delle risposte sensate a tutte quelle domande che rimanevano sospese nel vuoto senza alcun filo logico.

Joann_Sfar_se_dio_esiste

Pertanto, Sfar ha affidato alla matita il compito di spiegare la tristezza e la rabbia per questa crudeltà senza senso; ma, allo stesso tempo, le ha affidato anche la vera mission del suo fumetto: quella di raccontare il suo orgoglio per fare parte di una nazione che, come dice l’autore, si rispecchia nel motto della sua capitale: “fluctuat nec mergitur”.

Con tale motto ci spiega che se anche sbattuta dalle onde, la bella Parigi e tutta la Francia mai affonderà.

Infine, a conclusione del suo pensiero, Sfar mette nero su bianco una delle poche certezze che gli rimangono nonostante stia vivendo un momento di grande smarrimento: “Se Dio esiste, non uccide per un disegno”.

Questa è soltanto l’ultima fatica di un artista che ha vinto l’Eisner Award con Il gatto del rabbino (ed. Rizzoli).

Tra le altre sue opere vanno sicuramente menzionate il suo fantasioso adattamento de Il Piccolo Principe (ed. Bompiani) e L’Eterno (ed. Rizzoli Lizard) che ha visto il suo esordio come romanziere.

Infine, oltre a dedicarsi all’animazione e al cinema, nel 2002 ha creato i Carnets; si tratta di taccuini autobiografici, nei quali Sfar racconta la sua famiglia, le sue passioni, gli innamoramenti e le sue arrabbiature.

Compra: Se dio esiste. Quaderni parigini

Articoli Correlati

La serie anime Saint Seiya – I Cavalieri dello Zodiaco, che adatta il manga omonimo di Masami Kurumada, compie 35 anni. Il...

11/10/2021 •

15:43

My Hero Academia – World Heroes’ Mission, il terzo film animato della serie, inaugura la nuova stagione degli Anime...

11/10/2021 •

11:29

Lo scontro definitivo tra Spider-Man e il suo “migliore amico” Harry Osborn, tornato ad indossare i panni di Goblin, in uno...

11/10/2021 •

11:00