“Censors”, il web movie live action ispirato ad anime e manga

0
Continua a suscitare curiosità e interesse la produzione tutta italiana che ha esordito a Lucca 2015.

Tra i web movie più interessanti dell’ultimo periodo, sicuramente è da annoverare “Censors”, presentato in anteprima mondiale nell’ultimo Lucca Comics & Games e capace di far guadagnare alla protagonista, l’attrice-doppiatrice Emanuela Pacotto, il premio speciale “Amica di Lucca Comics”.

Girato compliramente in Italia, il web movie “live action” ispirato ad anime e manga è frutto dell’ingegno del team Babylon/Ambition che ha collaborato con Vanguard Studios e Panatronics. La sua lavorazione ha richiesto molti mesi tra riprese, montaggio ed effetti speciali.

Censors “The Awakening” (il risveglio), è la prima opera “anime live action” interamente realizzata in Italia. Una storia completamente inedita in cui l’attrice Emanuela Pacotto, interpreta, non a caso, una doppiatrice di cartoni animati che scopre, suo malgrado, l’esistenza dei CENSORI, un misterioso “clan” che ha il compito di imporre all’umanità “ciò che si può e ciò che non si può…” Tra scontri epici in stile “anime & manga” e citazioni varie, le avventure della protagonista si svilupperanno in un crescendo di colpi di scena in perenne equilibrio tra “finzione e realtà”.

A Lucca Comics & Games, dopo la proiezione del web movie, si è tenuta la conferenza in cui Emanuela Pacotto, il regista/produttore Max Coltorti e il responsabile degli effetti speciali Davide Famoso hanno svelato interessanti dettagli e retroscena di questo innovativo progetto, che sono riproposti qui di seguito:

CENSORS - Anteprima - Lucca Official - 04 - press

Censors è la sintesi di tutta l’esperienza vissuta tra anime e manga, cultura giapponese e, soprattutto, dal continuo contatto con appassionati e fan sempre molto attivi sui social su questi argomenti;

Non abbiamo mai ceduto alla tentazione di seguire modelli di video già proposti dalla rete perché non volevamo copiare altri format né fare l’ennesimo fan movie e non volevamo utilizzare linguaggi volgari. Abbiamo preferito restare fermi ad osservare in attesa di trovare un’idea adatta al nostro modo di essere e poi è arrivato Censors;

La durata di Censors è stata per noi un motivo di grande riflessione. Volevamo raccontare una storia con una struttura narrativa da film ma eravamo consapevoli che l’attenzione degli utenti su internet decade con grande rapidità. Secondo noi 15 minuti era una misura giusta ed è per questo che abbiamo scelto la definizione di web movie per identificare questa nuova tipologia di video;

Quando si affrontano generi differenti dal proprio bisogna farlo con grande rispetto e bisogna documentarsi per capire le fondamentali sfumature di culture differenti dalla nostra. Poi bisogna mescolare tutto con le proprie esperienze per giungere a quel mix finale che dovrebbe avere una propria identità;

Abbiamo volutamente scelto di realizzare effetti speciali che richiamassero quelli presenti nei cartoni animati degli anni ’80 per ricreare un’esperienza visiva più vicina ai nostri ricordi;

Censors è stato pensato come trilogia e abbiamo idee chiare su cosa vorremmo realizzare nei prossimi 2 episodi. Dovremo però attendere l’esito del primo episodio per capire come, e quando, realizzare il seguito.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui