Resa dei conti tra l’Uomo Ragno, Wraith e Mister Negativo, nel finale della nuova saga firmata dal veterano Gerry Conway ! Scopriamo inoltre qualcosa sul passato di Cindy Moon, alias Silk, nel debutto della sua serie in assolo !!!

I fan di lungo corso del Tessiragnatele non possono rimanere indifferenti di fronte a un nome come Gerry Conway, purtroppo poco riconosciuto e molto meno blasonato rispetto ad altri suoi colleghi, nonostante abbia firmato saghe memorabili dell’Uomo Ragno, che hanno segnato in maniera profonda non solo la carriera dell’eroe ma anche dell’intero universo Marvel, e non solo.

Basti pensare infatti che fu proprio Conway a ordire la morte di Gwen Stacy: la drammatica storia che in qualche modo fu considerata uno spartiacque tra le atmosfere scanzonate e giocose degli anni Sessanta e il realismo che da lì in avanti avrebbe caratterizzato in maniera sempre più preponderante anche i fumetti di supereroi.

La cosiddetta “età dell’innocenza” dei comics terminò bruscamente dopo quell’evento e le pagine di The Amazing Spider-Man iniziarono ad affollarsi di personaggi ambigui e spietati come lo Sciacallo e il Punitore, anch’essi frutto della fervida immaginazione di Conway, all’epoca giovanissimo.

Amazing-Spider-Man-16-1

A distanza di quarant’anni, dopo aver lavorato molto anche per la tv, questo grande scrittore torna a cimentarsi con il personaggio che più l’ha lanciato, con una saga in cinque parti subito successiva a Ragnoverso, che ci permette di tornare a tematiche ed ambientazioni più classiche, dopo tanti salti temporali e dimensioni parallele, di certo non molto usuali per il nostro Spidey…

Spirale ( questo il titolo della sua nuova saga ) è proprio ciò che ci saremmo potuti aspettare da un autore come Conway: una storia classica, dai toni maturi, che riporta l’azione sulla strada, tra guerre di gang, lotte per il territorio e il disperato tentativo di Spidey di contenere un’escalation di violenza.

Con l’occasione torneranno in gioco volti noti come Lapide, Testa di martello, la Gatta Nera e Mr. Negativo, ma il vero fulcro della vicenda sarà il capitano di polizia Yuri Watanabe, che rivestirà i panni di Wraith, una vigilante mascherata finora poco sfruttata dai ragno-autori.

ASM_Spyral

Conway invece decide di dare una svolta radicale a questo personaggio, facendole intraprendere un percorso molto sofferto, che la porterà a fare i conti con il suo “lato oscuro” e la sottile linea che separa i vigilanti da coloro che combattono.

Il desiderio di vendetta e la rabbia infatti possono facilmente sfociare in un eccesso di violenza o addirittura nell’omicidio, ed è proprio ciò che accadrà a Wraith dopo la morte di un suo collega. Questo a quanto pare è un tema particolarmente caro allo scrittore, in quanto anche Frank Castle/Punisher è l’emblema del vigilantismo fuori controllo e delle derive pericolose a cui può portare la giustizia fai-da-te.

Peter Parker, invece, è sempre stato un inguaribile ottimista, dall’animo nobile e puro, che cerca di vedere e tirar fuori il meglio da ogni persona, anche quando sembrerebbe non esserci speranza.

Stavolta però persino la sua positività verrà messa a dura prova, di fronte al carico di violenza che sarà costretto ad affrontare e ai drammatici strascichi che questa si porterà dietro… La spirale del titolo sta ad indicare proprio il continuo ed ineluttabile avvitarsi degli eventi, che spesso prendono una piega incontrollabile e devastante, senza lasciar intravedere una speranza o una fine.

E’ anche una triste presa di coscienza da parte dell’eroe, che per quanto possa impegnarsi a migliorare le cose, non potrà mai combattere contro l’oscurità che alberga in ognuno di noi e ci istiga all’odio e alla violenza.

asm20_1_1

Lo scrittore continua dunque il percorso di maturazione del Tessiragnatele già iniziato negli anni Settanta, dimostrando di non aver perso lo smalto di un tempo e di essersi adattato senza problemi al più agile e dilatato storytelling attuale.

Le cinque parti della sua storia scorrono infatti piacevolmente e senza cali di tono, grazie a dialoghi serrati e asciutti, mai troppo verbosi, azione incalzante e un consistente utilizzo di splash page e campi allargati, che donano maggior respiro e spettacolarità alla narrazione.

La parte grafica è appannaggio di Carlo Barberi, che nel complesso si dimostra efficace ed energico, anche se il suo stile è forse un po’ troppo cartoonesco e poco espressivo per un racconto crudo e intenso come Spirale.

Fortunatamente queste carenze vengono in parte compensate da una buona dinamica  e un discreto impatto visivo, soprattutto nelle succitate splash page e nei momenti salienti dell’azione, valorizzati anche dalla colorazione vivida e accesa di Juan Vlasco.

SpiderMan_Wraith

Questo numero del quindicinale Panini però è da segnalare anche per l’esordio della serie dedicata a Silk, altro personaggio femminile comparso da poco nell’universo Marvel, ma subito molto apprezzato dal pubblico. Per chi non lo sapesse, Silk è una giovane ragazza dai tratti orientali che si chiama Cindy Moon ed è stata morsa dallo stesso ragno radioattivo che trasformò Peter Parker nell’eroe che tutti conosciamo.

Dopo essere stata rinchiusa in un bunker da Ezekiel Sims per evitare che gli Eredi si accorgessero di lei, Cindy viene liberata dall’Uomo Ragno diversi anni dopo, scatenando la caccia ai totem ragneschi vista in Ragnoverso.

Adesso, scampato il pericolo degli Eredi, la ragazza deve ricominciare a farsi una vita, cercando di adattarsi alla società di oggi dopo il lungo periodo di isolamento e con la speranza di ritrovare la sua famiglia, misteriosamente scomparsa da quando Ezekiel la prese con sé.

silk002-1b

Lo scrittore Robbie Thompson sceglie un approccio molto fresco ed adolescenziale per raccontare le gesta di questa nuova supereroina, con una sceneggiatura semplice e frizzante, caratterizzata da numerosi flashback abilmente inseriti per svelarci poco a poco qualcosa di più sul passato ( finora poco conosciuto ) di Cindy.

Si tratta dunque di una serie di facile fruizione, che strizza l’occhio a nuovi lettori e soprattutto lettrici, visto che anche la parte grafica, curata da Stacey Lee, ricorda molto lo stile degli shojo manga per ragazze e il tratto essenziale tipico di un cartoon.

silk2

In appendice poi vengono proposti gli ultimi numeri della serie demenziale I mortali nemici di Spider-Man ( The Superior Foes of Spider-Man ), purtroppo sempre troncati ( a volte anche malamente ) in due parti dalla Panini. Nick Spencer si diverte a ridicolizzare in maniera impietosa supercriminali di serie B come Boomerang, Shocker, il nuovo Scarabeo, Speed Demon e Overdrive.

Di quest’ultimo in particolare scopriremo le origini proprio in questo numero, visto che da quando fece la sua prima comparsa, all’inizio del cosiddetto Brand New Day ragnesco, non si è mai saputo praticamente nulla di lui, a parte il suo curioso potere di “customizzare” qualsiasi veicolo tocchi.

superior-foes-of-spider-man-14

Questa serie ritrae i suoi protagonisti in maniera talmente maldestra e ridicola che quasi sicuramente non verrà considerata nella continuity ufficiale Marvel, per cui si tratta di un puro divertissement diverso dalle solite letture supereroistiche, buono giusto per farsi due risate e staccare il cervello per un po’… Sullo stesso livello anche i disegni di Steve Lieber, piuttosto grezzi e basilari, ma comunque adatti a un contesto scanzonato come questo, dove non conta la tecnica o la spettacolarità, ma riuscire a divertire il lettore.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui