Un resoconto completo con i momenti salienti dal panel di Dark Knight Returns.

L’opera di Frank Miller sul Cavaliere Oscuro, The Dark Knight Returns, compie trent’anni, almeno, l’anno prossimo, ma DC Comics, anche in occasione dell’uscita prevista per novembre di Dark Knight III, ha ben pensato di celebrare la ricorrenza al New York Comic Con, in corso ora al Javits Center di New York City, con una panel dedicato a questo 30° Anniversario.

Hanno partecipato al panel sia gli autori e artisti di Dark Knight Returns sia quelli dell’imminente Dark Knight III, con John Cunningham a moderare il tutto, introducendo Brian Azzarello, Andy Kubert, Klaus Janson e Jim Lee.

Cunningham ha condotto una breve lezione di storia sull’opera di Miller, mostrando alcune delle immagini più iconiche della storia, da Carrie Kelley allo scontro tra Batman e Superman, che hanno ricevuto numerosi applausi dalla platea.

Con grande sorpresa, Frank Miller appare sul palco, più in salute rispetto alle sue apparizioni più recenti, indossando l’inconfondibile cappello Fedora che porta sempre con sé. Il pubblico – ovviamente – esplode per la presenza del grande autore.

Jim Lee ha parlato di Dark Knight III, spiegando quando è nata l’idea, durante una conversazione sui supereroi avvenuta in un taxi tra lui, Azzarello e Miller. Questo, nel periodo di All-Star Batman and Robin, arrivando a parlare dell’iconico scontro tra Batman e Lanterna Verde.

Lee ha proseguito chiamando la storia il “finale” dell’universo di Dark Knight, benché – subito dopo – abbia detto che sia un “terzo atto,” correggendosi.

Andy Kubert ha lodato la sua collaborazione con Janson, che ha aiutato l’artista a rendere il suo stile più simile a quello di Miller per la storia.

Azzarello è stato chiamato da Jim Lee per unirsi al progetto e – inizialmente – la sua agenda non glielo permetteva, ma sembra sia riuscito a liberarsi e parteciparvi lo stesso, considerando che è stato annunciato come uno degli autori.

Janson ha spiegato come fosse “incredibilmente contento e – allo stesso tempo  – intimidito” nel tornare nell’universo di Dark Knight, rivelando come abbia sempre sperato di poter realizzare un terzo capitolo.

Cunningham ha detto di aver letto l’intero primo numero, rivelando come sia “qualcosa fuori dagli schemi e che nessuno di noi si aspetterebbe dalla storia” e che “completa un arco in un modo che non avrebbe mai pensato da lettore.”

Cunningham ha mostrato alcune pagine interne senza colori. Janson ha lodato l’abilità di Kubert di adattarsi al linguaggio visivo di Miller.

Lee ha parlato dei mini-fumetti di sedici pagine all’interno di ogni numero, che riguarderanno eroi come Atom, Flash, Wonder Woman e molti altri, rivelando che sono serviti molti test per capire come inserirli in ogni singolo albo.

Il secondo mini-fumetto sarà disegnato da Eduardo Risso.

“Avrete non uno ma ben due finali shock quando leggerete queste storie… non è la tipica esperienza di lettura cui siete abituati, il modo in cui sono legate insieme.”

In seguito, hanno mostrato alcune pagine interne del primo mini-fumetto, che ritraevano Atom in un combattimento con i dinosauri, il tutto illustrato magistralmente da Miller.

Azzarello ha detto di non essere stato intimidito dal progetto. “È stato bello essere in grado di lavorare con un amico,” ha detto di Miller.

“Dovete capire che DC mi lascia giocare con i suoi giocattoli e Brian ha chiesto se poteva giocare nel mio stesso modo. Non c’erano ego ammaccati,” ha detto Miller.

“Ci sono molti momenti ‘OMG’ in questa storia,” ha detto Lee.

Azzarello ha anche detto che i momenti in cui appare Superman porteranno il lettore ad apprezzare nuovamente il personaggio.

Per Miller, è Azzarello ad aver condotto l’intero show, lui ha semplicemente ricoperto il ruolo di consulente. Azzarello sta attualmente scrivendo il terzo numero.

In seguito, hanno mostrato le variant cover esclusive per i negozi statunitensi rivelate precedentemente e Cunningham ha spiegato che l’intenzione della DC Comics non è certo quella di spingere le persone a tentare di collezionarle tutte.

Kubert ha terminato di disegnare il secondo numero, parlando specificatamente di una splash page e dicendo: “La mia vita è ora completa,” senza rivelare ulteriori dettagli su cosa potesse riguardare.

Kubert ha anche inviato tutti i suoi layout a Miller e Azzarello, ricevendo un grande elogio da Miller che ha detto: “Non hai nulla di cui preoccuparti.” Anche Lee ha mostrato un grande apprezzamento per i layout, definendoli “lirici.”

Lee ha mostrato un mock-up dell’edizione da collezione cartonata di Dark Knight III.

1444406214928453

Parte il Q&A e un fan ha immediatamente chiesto quale personaggio sarebbero interessanti a portare nell’universo di Dark Knight, Miller ha risposto: “Brother Power the Geek.”

Un altro fan ha chiesto se c’è qualcosa che i lettori non hanno compreso da Dark Knight Returns e Dark Knight Strikes Again, ricevendo da Miller una sincera risposta: “No, ma grazie per averlo chiesto.”

Qualcuno ha parlato a proposito dell’influenza di Dark Knight in Batman v Superman: Dawn of Justice. Miller ha detto che non ha idea di come la sua opera abbia influenzato la pellicola, chiarendo, però, che Batman v Superman non ha assolutamente influenzato Dark Knight III.

Un fan ha chiesto se Miller dirigerebbe mai una pellicola su Batman e Miller ha risposto succintamente: “Sì.” Un altro ha chiesto se All-Star Batman and Robin possa essere finalmente completato. “Lo abbiamo appena iniziato,” ha detto Miller.

Un altro fan ha invece accidentalmente chiamato Dark Knight ReturnsDark Knight Rises” e Miller ha risposto lui: “Non farlo di nuovo!”

Secondo Miller, “la cosa meravigliosa di Batman è che è come un diamante. Puoi gettarlo contro un muro, e fare qualunque cosa di lui, e non può rompersi.”

A Miller, è stato chiesto anche quale scena da Dark Knight Returns gli piacerebbe vedere in Batman v Superman: Dawn of Justice. “La cosa più importante che mi piacerebbe vedere è il duello tra i due – e il chiaro finale con Batman che vince!”

Un fan ha anche chiesto se è prevista un futura linea di storie ambientate nell’universo di Dark Knight. “Leggi la storia!” ha detto Miller, implicando che possa esserci molto di più in arrivo.

Questi i momenti salienti del panel dedicato al 30° Anniversario di Dark Knight Returns tenutosi al New York Comic Con e riportato da Newsarama.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui