Viaggio nella pratica che contraddistingue la DC Comics.

Amato, odiato, necessario, inutile, stupido, intelligente. Questi sono solo alcuni degli “aggettivi” che spesso vengono affiancati alla pratica del reboot cioè all’azzeramento del passato, e degli avvenimenti in esso accaduti, di un universo narrativo.

Nel mondo dei fumetti è una pratica comune, seppur in diverse “gradazioni”, ed è inequivocabilmente uno dei segni che contraddistinguono la DC Comics la quale periodicamente azzera il suo universo narrativo di modo da poter ottenere una prospettiva “nuova” sui suoi personaggi.

Sulla bontà del reboot si possono spendere fiumi di inchiostro è interessante però anche capire quanto durano gli effetti di ogni reboot alla luce anche della fine dell’ultimo evento di casa DC, Convergence, che ha portato uno nuovo mutamento della continuity del DCU dopo il massiccio rilancio dei New 52 avvenuto nel 2011.

Golden Age/Silver Age: la DC Comics dapprima stabilisce che gli eroi della Golden Age – cioè Alan Scott, Jay Garrick etc… per intenderci – sono per quelli della Silver Age semplici personaggi dei fumetti

  • Durata cambiamento: 18 anni e 3 mesi

e poi attua il suo primo “reboot” spostando su una Terra parallela, Earth-2, gli eroi della Golden Age che quindi esistono effettivamente

  • Durata cambiamento 4 anni e 9 mesi circa

flash_dei_due_mondi

 

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui