L’incredibile storia di un gioco altamente offensivo e delle sue poche ore di vita.

Un’altra incredibile storia si affaccia sul web e sul mondo videoludico, quella di Kill the F*****t, gioco low-budget e low-brow creato dalla Skaldic Game che dopo essere arrivato su Steam è stato rimosso in poche ore per via dei suoi contenuti altamente offensivi nei confronti della comunità gay.

Il gioco si presentava in questo modo: “Odi i gay? Vuoi liberare la tua frustrazione contro la comunità LGBT? BENE, è la tua chance! Spara a gay e transgender mentre scappano evitando di colpire persone etero. Guadagna punti prima dello scadere del tempo.”

Ovviamente segnalato il gioco è stato rimosso da Steam in poco tempo senza nessun commento da parte di questi sul perché. Tuttavia, poniamoci un paio di domande sul fatto che Steam, come è ormai noto, sembri non controllare i contenuti offensivi dei giochi che pubblica. Al di fuori di questo è stata scandalosa anche la risposta da parte della Skaldic Game che ha fatto sapere che il suo scopo con questo gioco era proprio quello di poter offendere più persone possibili (ma non incitare odio nei confronti dei gay) e che ben presto torneranno con un gioco ancora più offensivo.

Non ci sono parole per descrivere comportamenti del genere. Triste vedere come sia il mondo videoludico a doverne poi pagare le conseguenze.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui