Il film uscirà il prossimo 25 febbraio in Italia.

MangaForever ha partecipato all’anteprima e alla conferenza stampa di Kingsman – Secret Service, il nuovo cinecomic di Matthew Vaughn (Kick-Ass, X-Men – L’inizio) tratto dal fumetto di Mark Millar. Nell’incontro con i giornalisti che si è tenuto presso l’Hotel de Russie in Piazza del Popolo, a Roma, sono intervenuti gli attori protagonisti, Colin Firth, premio Oscar per Il discorso del Re, e Taron Egerton. Ad accompagnarli i Take That che hanno realizzato il brano della colonna sonora Get ready for it.

Kingsman (2)

Nel film, Colin Firth è Harry Hart, membro dell’agenzia di spionaggio Kingsman, mentre Egerton è la giovane recluta Eggsy. Firth racconta: “Da ragazzino sognavo di diventare un agente segreto ma non sarei stato un granché. Sono cresciuto con le varie incarnazioni di 007, con John Steed e con Harry Palmer, interpretato da Michael Caine. Ma questa storia appartiene al mondo della fantasia. I Kingsman sono come i Cavalieri della Tavola Rotonda. E’ una favola. Un’organizzazione segreta di questo genere, con fondi infiniti e superarmi, non esiste, ne sarei spaventato a morte. Funzionerebbe solo in un mondo come quello del film, in cui bene e male sono ben distinti.”

Egerton: “E’ lo 007 di Roger Moore ambientato nel 2015. C’è l’aspetto cinematografico, teatrale, comico. Una spy-story che mancava. Non vuole essere realistico, è molto stilizzato. Le scene di combattimento sono impossibili, sovrumane. E’ molto colorato e gioioso. Non attinge dalla realtà ma da altri film.”

Gary Barlow dei Take That spiega l’apporto del gruppo al film: “Avevamo già collaborato col regista in Stardust e X-Men – L’inizio. La prima proiezione a cui abbiamo assistito non aveva gli elementi in cgi ma è stato sufficiente a capire il ritmo del montaggio e l’intenzione del film. Pochi giorni dopo ho fatto sentire il brano al regista e lui ha deciso di inserirlo nei titoli di coda. Abbiamo potuto inserire il tema musicale del film nella nostra canzone e il video sembra una parte del film.”

Nella storia, i cellulari giocano un ruolo fondamentale per il piano del villain interpretato da Samuel L. Jackson. Egerton: “La connessione mi spaventa. Ne sono diventato cosciente dopo il film. Sono sempre su Twitter. Penso di essere diventato dipendente. Sto sempre su Facebook a leggere schifezze di cui non m’importa niente. E’ un sistema poco regolamentato. Ho visto Men, Women & Children, il film di Jason Reitman, ed è molto interessante come perfino la sessualità sia condizionata dalla tecnologia.”

Firth: “Io non vado su Twitter e non so cos’è un hashtag. I social media hanno un potere enorme e possono essere usati bene o male. Credo che abbiano potenzialità positive, sono uno strumento politico importante per una maggior diffusione della democrazia. Qualche tempo fa ero a Venezia, uno dei posti più belli al mondo, e la gente, invece di godersi il posto, pensava solo a fare fotografie quando potrebbe vederle in un libro. Oggi si fanno fotografie inutili di cibo e animali.”

Barlow: “Siamo tutti e tre su Twitter. E’ divertente per sapere cosa fanno le persone. C’è un lato didattico. Ma si tratta di un settore nuovo con delle problematiche. Con mia figlia comunico con WhatsApp per dirle che la cena è pronta. Ma sul web ci sono persone divertenti e crudeli.”

Kingsman (3)

Firth è noto per interpretare sempre personaggi molto compassati: “Le partite dell’Arsenal hanno temprato la mia pazienza. Ma ogni tanto perdo la calma. Il mio lavoro mi consente di interpretare ed esprimere alcuni aspetti della mia personalità. A volte interpreto uomini che mi piacerebbe essere ed altre volte no. Il cliché della compostezza dei britannici non è reale. Basta andare ad una partita di calcio o ad un concerto dei Take That.”

La lotta di classe è un tema centrale nel film. Firth: “Il bene e il male sono rappresentati a larghi tratti. Se vai a destrutturarle c’è una certa contraddizione. I Kingsman fanno parte dell’establishment ma, alla fine, faranno saltare la testa proprio dei più ricchi. Non credo che la Camera sia un’istituzione davvero importante o utile ma li ho apprezzati quando si sono espressi contro la pena di morte.”

Kingsman (4)

I due attori si sono dovuti sottoporre ad un duro allenamento per sostenere le scene d’azione del film: “E’ stato molto doloroso. Mi sono allenato per sei mesi, per tre ore al giorno con una squadra di dieci persone. Mi allenavo anche mentre ero sul set con Woody Allen. L’addestramento non mi è di nessun aiuto nella vita reale. Se qualcuno volesse fare a botte con me, potrei mettermi a ballare.”

Egerton: “E’ stata dura. Quando mi hanno dato la parte, l’unica condizione era che avrei dovuto allenarmi e mettere su il fisico adatto. L’allenamento è continuato durante le riprese. Un giorno l’allenatore mi ha detto di arrampicarmi sulla corda. Non riuscivo a farlo neanche da ragazzino. Ma nelle condizioni in cui mi trovavo sono riuscito a farlo. Sono arrivato in cima. Oggi non ne sarei più in grado.”

Diretto da Matthew Vaughn, Kingsman – Secret Service vede nel cast Colin Firth, Taron Egerton, Samuel L. Jackson, Mark Strong, Michael Caine, Sophie Cookson, Sofia Boutella e Mark Hamill. Uscirà il prossimo 25 febbraio in Italia distribuito da 20th Century Fox.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui