Le 64 pagine del volume che racconta il Sommo Poeta attraverso Beatrice sono firmate da Alessio D’Uva e Astrid.

In occasione dei 750 anni dalla nascita di Dante Alighieri Kleiner Flug ha dedicato al Sommo Poeta un graphic novel scritto da Alessio D’Uva e illustrato dalla giovane fumettista toscana Astrid. Il libro mostra con efficacia e sintesi alcuni frammenti di vita di Dante, passando poi a rivelarlo nel suo viaggio immaginario raccontato dalla Divina Commedia.

La narratrice della storia è Beatrice, eterno amore di Dante. Lungo il corso del volume (64 pag. a colori, brossurato, 21 x 28,5 cm, 13 €) verrà descritta la storia del loro rapporto: a partire dal loro primo incontro, ancora bambini, passando per il loro innamoramento in un processo fatto di sguardi e contatti fugaci, fino ad arrivare a gelosie e incomprensioni di due ragazzi della Firenze del Duecento.

Gli autori attingono da La Vita Nova e dalla Divina Commedia – senza disdegnare citazioni di artisti come Petrarca, Boccaccio, Gustave Doré, Henry Holiday – esplorando l’incontro che Dante e Beatrice hanno nel Purgatorio, da cui partiranno insieme per raggiungere il Paradiso Terrestre.

«Questo volume, disponibile in libreria, nelle fumetterie, e a breve anche in ebook, ci parla di un artista più contemporaneo di quanto si possa pensare» spiegano dalla giovane casa editrice. «Dante, infatti, riesce a coniugare più generi letterari nella sua opera e fornisce una visione dell’Inferno, del Purgatorio e del Paradiso ancora attuale e nell’immaginario di molti di noi».

Ma attuali sono anche i temi trattati nei suoi scritti. «Ne la Divina Commedia parla d’amore – della sua depressione che l’ha portato ad affrontare quel lungo viaggio tra le perdute genti – ma parla anche della cupidigia dei potenti, interessati solo al potere del denaro, e del popolo che segue i propri leader, religiosi o politici, come delle pecorelle. Parla di cultura, religione e politica» proseguono da Kleiner Flug.

Dunque l’editore ritiene che ancor oggi si deve riscoprire Dante, anche a fumetti: «È fuori dal tempo, va oltre i costumi: a lui interessava l’essenza dell’uomo, che non cambia mai. Trattarlo con un linguaggio nuovo come il fumetto vuol essere un modo per “de-medievalizzarlo”, come nei secoli han fatto con successo scrittori, pittori, registi».

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui