Eris Edizioni pubblicherà “Mox Nox” di Joan Cornellà

Pubblicato il 18 Settembre 2014 alle 19:30

Il volume è stato un vero e proprio caso editoriale in Spagna-Francia, tanto da raggiungere la 4° ristampa a poco più di un anno dalla sua uscita e da meritarsi la pubblicazione negli Stati Uniti, prevista nel 2015.

Mox Nox_coverArriverà nel mese di ottobre “Mox Nox”, dell’autore spagnolo Joan Cornellà, che con il suo umorismo nero ha conquistato il web. A portarlo in Italia Eris Edizioni.

Le storie senza dialoghi disegnate da Cornellà, tinte dal cinismo e da un surreale gusto per l’assurdo e l’improbabile, sono diventate popolarissime e molto seguite anche sul web, tant’è che la sua pagina Facebook conta più di un milione di fan.

Sino a oggi i lavori del geniale autore catalano sono rimasti inediti in Italia. Eris Edizioni pone rimedio a questa mancanza nel mondo del fumetto nostrano pubblicando “Mox Nox”, e dando così la possibilità anche ai lettori italiani di lasciarsi ipnotizzare e sconvolgere da una delle matite più pungenti dell’umorismo nero.

«Un giovane autore dal talento geniale che è riuscito a far appassionare non solo il pubblico del fumetto ma anche i lettori più disparati, e che continuerà a far parlare di sé» annunciano da Eris. Il libro sarà presentato in anteprima nazionale a fine settembre, in occasione della presenza di Joan Cornellà e della mostra a lui dedicata al Treviso Comic Book Festival.

L’edizione di 52 pagine di Mox Nox è cartonata con una plastificazione opaca che esalta l’ipnotico “rosa shock” dell’illustrazione di copertina. Per gli interni invece è stata scelta una carta con grammatura di 140 grammi.

Le storie senza dialoghi disegnate da Joan Cornellà, tinte dal cinismo e dalla sua personale ricerca estetica, cercano di scioccare attraverso l’assurdo. Dietro il loro aspetto quasi infantile, i disegni nascondono un’autentica violenza, a volte gratuita e surrealista, che non sarebbe probabilmente dispiaciuta a due precursori del genere come Bunuel e Dalì.

Il suo gusto per l’improbabile sfonda le barriere del politically correct e del tabù senza però cadere in moralismi o in una deliberata critica contro un preciso obbiettivo, ma sempre e solo mettendo il lettore di fronte a un umorismo dell’assurdo.

Il linguaggio di sole immagini adottato da Cornellà genera un perfetto meccanismo di lettura, universale, veloce, quasi istantaneo, e ipnotico. Tanto da costringere il lettore a tornare a guardare la tavola e trovarci esplosioni di senso tutt’altro che superficiali. Questo è senz’altro uno dei motivi che spiega la sua popolarità sul web, anche se non è per la rete che nascono i suoi comics ma per un utilizzo prima di tutto editoriale (libri e riviste).

E pur appartenendo di diritto al mondo del fumetto, per l’impostazione a vignette e per il taglio delle storie, le tavole di Joan Cornellà possono anche essere osservate e considerate come delle opere di arte pittorica dei giorni nostri. Non a caso il mondo dell’arte gli ha dedicato molte attenzioni. Questo grande successo che sconfina il fumetto raggiungendo i lettori più disparati, non fa che confermare il talento geniale di un giovane autore (classe 1981) da non perdere assolutamente di vista nei tempi a venire!

Articoli Correlati

Abbiamo incontrato Zerocalcare alla Festa del Cinema di Roma 2021 in occasione della presentazione della sua prima serie animata...

19/10/2021 •

17:23

Demon Slayer – La Saga del Treno Mugen è la versione televisiva del film Il Treno Mugen che ha debuttato anche in Italia...

19/10/2021 •

17:11

La serie anime di Mob Psycho 100 godrà di una terza stagione che proseguirà la trasposizione del manga originale di ONE (One...

19/10/2021 •

14:55