Giappone, arrestati per aver rubato carte di Yu-Gi-Oh! a un 15enne

Pubblicato il 13 Giugno 2014 alle 15:00

A Kobe due impiegati avrebbero rubato la collezione di un loro giovane amico per rivenderla. 

Solo ieri vi raccontavamo di un uomo arrestato in Giappone per aver venduto statuette di Boa Hancock contraffatte e denudabili. Oggi scendiamo se possibile ancora più in basso con una variante ludica del “rubare le caramelle a un bambino”.

La polizia di Kobe ha infatti fermato due impiegati 20enni accusati di aver rubato 320 carte di Yu-Gi-Oh! ad un loro amico di soli 15 anni. A Febbraio i due sarebbero andati a casa dell’adolescente e non trovandovi nessuno si sarebbero impossessati delle 320 carte da gioco che componevano la sua collezione. Il valore della refurtiva si aggira intorno ai 70000¥ (circa 500€).

Questo è solo l’ultimo di una serie di crimini simili commessi in tutto il Giappone negli ultimi mesi: in Aprile ad esempio un 32enne rubò il Nintendo DS a un bambino delle elementari, mentre un poliziotto è stato accusato di aver sottratto per cinque mesi DVD di anime e videogiochi a un collega.

TAGS

Articoli Correlati

La conclusione di Masters of the Universe: Revelation sta per arrivare su Netflix. Il servizio di video on demand ha infatti...

12/10/2021 •

18:12

Le novità Star Comics di Dicembre 2021 sono disponibili nella sezione Ultime Uscite del sito web ufficiale della casa editrice....

12/10/2021 •

16:36

Scream, il nuovo capitolo della omonima saga horror cult degli Anni 90, arriverà al cinema in Italia nel corso del 2022....

12/10/2021 •

16:10