Diabolik, il criminale nero si tinge di…verde

Pubblicato il 12 Giugno 2014 alle 15:00

Anche l’Astorina aderisce alla certificazione che tutela l’ambiente.

PEFCA partire da questo mese tutti gli albi di Diabolik sono stampati su carta certificata PEFC. Si tratta del sistema di certificazione forestale più diffuso al mondo, che assicura la gestione sostenibile del patrimonio boschivo e permette la più trasparente tracciabilità della materia prima, lungo tutta la filiera, dal bosco al prodotto finito.

«Le 450 tonnellate di carta usata per stampare il fumetto contribuiranno a ripiantare 33,28 ettari di foresta che, nel loro ciclo di vita standard (circa 30 anni), assorbiranno 1.664 tonnellate di CO2. Per capirci, quegli alberi corrispondono a 47,5 campi da calcio e l’anidride carbonica evitata è pari al peso di 333 elefanti africani maschi» spiegano dall’Astorina.

La certificazione di tracciabilità PEFC della carta prodotta dalla Cartiera svedese Holmen permette di garantire l’origine della materia prima e di assicurare il lettore che non sono state tagliate foreste tropicali, ma che tutta la fibra vergine deriva da foreste del Nord Europa.

Articoli Correlati

Le uscite manga Star Comics del 1 Dicembre 2021 includono il volume 30 di My Hero Academia anche in Limited Edition, One Piece...

29/11/2021 •

09:23

L’ultimo arco narrativo del manga Bleach di Tite Kubo, la Saga della Guerra Sanguinosa dei Mille Anni, godrà di un...

29/11/2021 •

09:00

Oricon ha pubblicato le classifiche di fine anno dei manga più venduti in Giappone, sia per serie sia per singoli volumi. Le...

29/11/2021 •

08:33