001 Edizioni – Le novità per Lucca Comics and Games 2010

Pubblicato il 28 Settembre 2010 alle 11:59

I titoli elencati sono novità sul catalogo di fine 2010 e inizio 2011 che 001 Edizioni presenterà in anteprima alla Fiera.

001 Edizioni – Le novità per Lucca Comics e Games 2010 

001 Edizioni porta in Italia l’edizione completa e definitiva in 6 volumi del capolavoro di Byrne “Next Men”
Nel 1955 un’esplosione in Antartide attira l’attenzione di un gruppo di scienziati. Sul luogo dell’incidente trovano decine di cadaveri ed un unico sopravvissuto, Sathanas, che ucciderà tutti gli scienziati tranne uno. I due con l’aiuto del senatore Hilltop creeranno il Progetto Next Men. Un esperimento scientifico segreto per sviluppare uomini dalle capacità incredibilmente evolute, cresciuti per anni in un mondo di realtà virtuale. Quando 5 di questi Next Men riescono a fuggire nel mondo reale, inizia una caccia all’uomo fitta di misteri in cui si cominciano a svelare le malefiche trame di Sathanas.

Incluso in questo primo volume il prequel 2112 ambientato nel futuro con l’agente Red dell’agenzia di difesa Safeguard impegnato in una lotta all’ultimo sangue contro Sathanas e l’orda dei suoi immondi seguaci.

John Byrne nasce a Walsall (Gran Bretagna) il 6 luglio 1950. Nel 1958 si trasferisce con la famiglia in Canada e nel 1975, dopo essersi diplomato all’Alberta College Art, pubblica i suoi primi fumetti. Nel giugno dello stesso anno passa alla Marvel dove, dopo aver disegnato alcuni episodi di Iron First, Marvel Team up e The Champions, si dedica a lungo agli X-Men e ai Fantastici Quattro per poi occuparsi degli Alpha Flight e di She-Hulk. Nel 1986 passa alla DC Comics, realizzando una rilettura di Superman, che alcuni giudicano graficamente impeccabile ma che non incontra il favore del pubblico. Due anni dopo torna alla Marvel per dedicarsi ai Vendicatori e a Wolverine.

Next Men vol.1 di John Byrne, pp. 160, Euro 12,00

——————————————————————————–

“Memorie dell’Eternauta”: un saggio per rivivere un simbolo del fumetto argentino e la storia del Paese.

“Può una historieta, così viene chiamato il fumetto in Argentina, occupare il vuoto etico lasciato dalle istituzioni, presuntamente democratiche, che dovrebbero reggere i destini di una Nazione? Può la popolazione di un paese sovrano sentirsi più e meglio rappresentata da un’opera di finzione che dai propri poteri Esecutivo, Legislativo e Giudiziario? Nel regno dei contrari, si. E in Argentina, anche. E’ chiaro che non si tratta di una historieta qualsiasi, ma della historieta nazionale: l’Eternauta. Baciata da un successo costante di vendite e critica, la creazione di H. G. Oesterheld e Solano Lopez viene ancora oggi letta come sorprendente opera di finzione e chiara testimonianza della storia moderna latinoamericana.”
Memorie dell’Eternauta ripercorre la storia di questo capolavoro del fumetto mondiale intrecciandola con la vita dei suoi autori e con la tragedia della dittatura dei colonnelli che ha colpito l’Argentina nel secolo scorso. Questa edizione è arricchita da un capitolo che ricostruisce le ultime vicende legate al fumetto e da numerose illustrazioni inedite.

Fernando Ariel Garcia e Hernan Ostuni sono autori di numerose pubblicazioni in Argentina e hanno curato molte mostre dedicate al fumetto argentino. Nel 1989 hanno ricevuto il Premio Eternauta per il loro lavoro. Memorie dell’Eternauta è il saggio più esaustivo uscito in questi ultimi anni sul mondo dell’Eternauta.

Memorie dell’Eternauta di Fernando Garcia Ariel Garcia e Hernan Ostuni, pp 192, Euro 18,00

——————————————————————————–

L’edizione definitiva dell’eroina più conosciuta del fumetto argentino: “Barbara” di Ricardo Barreiro e Juan Zanotto

In un mondo post-apocalittico, primitivo e selvaggio, una giovane è espulsa dal suo clan perchè non accetta le regole che la discriminano come donna: per esempio l’obbligo di passare la notte prima del matrimonio con il sommo sacerdote della tribù. Ribellandosi al suo destino comincia a scoprire che nè la religione nè la storia tramadata al suo popolo hanno qualche relazione con la verità. In un viaggio che la porterà dalle foreste di una Buenos Aires inondata, fino allo spazio, Barbara è un canto alla libertà e un’apologia della lotta per l’uguaglianza in tutte le sue forme, inclusa quella sessuale.  
Barbara è una delle eroine del fumetto argentino più conosciuta in Italia. La grande fantascienza, la grande historietas creata da Juan Zanotto e Ricardo Barreiro arriva nella sua edizione definitiva. Questo primo ricco volume raccoglie il primo ciclo di avventure con nuove traduzioni fedeli all’originale.

Ricardo Barreiro pubblica le sue prime opere agli inizi degli Anni ’70. Narratore prolifico, è stato uno dei maggiori della sua generazione. Le sue opere sono tradotte in nove Paesi. Era un narratore nato, dotato di una memoria prodigiosa e di una grande conoscenza sui temi più disparati. E’ scomparso prematuramente il 12 aprile 1999 all’età di 49 anni. Barbara è una delle sue indimenticate saghe.

Juan Zanotto nasce a Cucelio (Torino) il 26 settembre 1935. Nel 1948 si trasferisce in Argentina con la famiglia e lì frequenta la Escuela Panamericana De Arte. Nel 1953 disegna le sue prime storie per Tatin ed El Fantasma. Tra il 1955 e il 1956 lavora, su testi di Alfredo Grassi, alla creazione di Ric de la Frontera. Oltre a Barbara, con Barreiro ha firmato anche New York Anno Zero e Penitenziario. Realizza su testi di Ray Collins Yor, il western Wakantanka su testi di Héctor G. Oesterheld, Cronache del Tempo medio con Emilio Balcarce. Ancora in piena attività a seguito di un intervento al cuore il maestro muore alle 7 di mattina del 13 aprile 2005 a Buenos Aires.

Barbara di Barreiro e Zanotto, pp. 176, Euro 15,00

——————————————————————————–

Tra la Rivoluzione Francese e l’atto più estremo dell’Arte: “Il Cielo sopra il Louvre” di Bernard Yslaire e Jean-Claude Carrière

Il Cielo sopra il Louvre è l’ultima BD di Bernard Yslaire, conosciuto in Italia per Sambre. Questa volta l’autore ci trasporta nell’agosto del 1793 in pieno periodo del Terrore. Il Louvre sta per essere inaugurato. Primo museo della nazione, è destinato a ricevere le opere rivoluzionarie che devono rompere con l’Ancien Regime e mostrare che la Storia è in movimento. Nella Grande Galerie le opere dei classici vengono sostituite da quelle di pittori contemporanei, tra queste quelle di Jacques-Louis David. Su richiesta del suo amico Robespierre, il pittore tenta di realizzare il quadro più difficile della sua carriera: dare un viso all’Essere Supremo, emblema stesso della Rivoluzione.

Una storia straordinaria che ci fa rivivere la Rivoluzione Francese in mezzo ai suoi protagonisti, in venti capitoli magnificamente illustrati da Yslaire, su testi di Jean-Claude Carrière. Per chi ha letto la saga di Sambre, Il Cielo sopra il Louvre è una conferma delle qualità dell’autore che riesce a ricostruire nelle sue tavole l’atmosfera di un’epoca.

Il Cielo sopra il Louvre di Yslaire e Carrière, pp. 72, Euro 17,00

——————————————————————————–

Dall’autore del SantoPremier, il ritratto di uno dei personaggi più curiosi: “Nero Petrolio” di Marco Galli

Dopo lo straordinario successo de Il SantoPremier, Marco Galli ritorna sul suo tavolo da disegno per consegnare una storia ispirata a uno dei tanti protagonisti apparsi nella sua opera prima, probabilmente il più eccentrico e curioso tra quelli presentati al grande pubblico. Con Nero Petrolio entriamo nel mondo di Louis Petrolio, il torturatore al soldo del Vaticano, amante della poesia, in una graphic novel sempre più noir.

Nero Petrolio di Marco Galli, pp. 80, Euro 13

——————————————————————————–

La storia della quarta Caravella di Cristoforo Colombo in “Nuovo Mondo” di Ricardo Barreiro e Enrique Breccia
Una missione pericolosa quella che Cristoforo Colombo vuole farsi finanziare dalla regina di Castiglia, i timori che la terra sia piatta e che il mare all’orizzonte precipiti in un abisso senza fine, spaventano molti. Per evitare ogni rischio il navigatore genovese assolda una ciurma di marinai disperati da mandare in avanscoperta con l’Intrepida e il capitano Vallejos alla loro guida. Poco distanti in tutta sicurezza le tre famose caravelle. Sembra procedere tutto per il meglio, quando accade l’impossibile…in mezzo all’oceano una voragine d’acqua inghiotte la nave. I sopravvissuti raggiungono la riva di un mondo…un nuovo mondo molto diverso da quello che conoscono, un mondo dove il mito e l’impossibile sembrano diventare realtà.

Enrique Breccia nasce a Buenos Aires nel 1946, è figlio d’arte, suo padre infatti è Alberto Breccia, uno dei maestri del fumetto mondiale. 001 Edizioni ha pubblicato Il collezionista di sogni e Alvar Mayor realizzato sui testi di Carlos Trillo. Nella sua carriera realizza opere pregievoli riuscendo a differenziare il taglio grafico con originalità e stile, passa con successo e disinvoltura da un genere all’altro. Tra i suoi lavori: tre brevi storie gauchesche dell’inizio degli Anni Settanta, El buen Dios, El peregrino en las estrellas. Docente dell’Instituto De Directores De Arte, realizza anche alcune interessanti riduzioni a fumetti di classici della letteratura: Till Ulenspiegel, L’Isola del tesoro, Moby Dick e Il re del fiume d’oro. Notevole è anche la serie di episodi surreali e beffardi Los viajes de Marco Mono, del 1979, su testi di Carlos Trillo.

Nuovo Mondo di Barreiro e Breccia, pp. 144, Euro 15,00

——————————————————————————–

La prima graphic novel firmata da Stefano Benni tratta da un suo racconto. “La storia del Capitano Quijote Patchwork” con le illustrazioni di Spartaco Ripa

A 27 anni dalla sua prima uscita Stefano Benni adatta uno dei racconti più famosi contenuti in Terra! in una graphic novel magnificamente illustrata da Spartaco Ripa.

Anno 2156: il mondo è stretto nella morsa dell’inverno nucleare e diviso in blocchi contrapposti. Le tre federazioni, la sineuropea, l’aramerorussa e la giapponese, lottano per il dominio su un mondo ormai devastato e senza risorse. Poco prima di partire per la sua missione, Chulai, esploratore spaziale di scarsa moralità, racconta ai suoi compagni di viaggio una storia della sua giovinezza, di quando le astronavi partivano per il Quadrante spaziale del Mare Universale per la caccia alle Testadiferro, giganteschi meteoriti ricchi di metalli preziosi. A comandare una di queste nave, la Grampus, il capitano Quijote Patchwork, l’uomo più rattoppato di tutti i tempi con di originale un solo polmone chiamato affettuosamente Paul. Il capitano Quijote ha un grande sogno per il quale sacrifica ogni anno durante la caccia alle Testadiferro,  più della metà del suo equipaggio: catturare la meteorite bianca più grande del Quadrante.

Una storia di straordinaria bellezza in cui lo stile arguto e ironico di Stefano Benni ci affascina con i suoi rimandi ad un classico intramontabile come Moby Dick e ci mostra come gli uomini mossi da grandi passioni siano in grado di sacrificare se stessi e la vita altrui per raggiungere il loro obiettivo. Ad illustare e adattare il testo di Benni il disegnatore Spartaco Ripa che con il suo stile pittorico costruisce un mondo futuro e coerente, grazie ai suoi pennelli il vuoto dello spazio si trasforma in un oceano dalle mille sfumature.  

La storia del Capitano Quijote Patchwork di Benni e Ripa, pp. 64, Euro 12,00

——————————————————————————-

Musica e colori per un ritratto maschile dell’Amore. “Quartetto” di Catel
Dall’autrice di Kiki di Montparnasse un progetto originale: adattare quattro racconti di altrettanti autori per mettere in scena la sottile rappresentazione dei mille aspetti del sentimento amoroso. Nasce così Quartetto, quattro racconti brevi dove Catel mette in scena l’immaginario mascolino di quattro scrittori: Pascal Guignard, Jacques Gamblin, Thierry Bellefroid e José Louis Bocquet.

Catel, disegnatrice dal tratto elegante e raffinato, ha scelto di organizzare questi adattameti ispirandosi alle partitutre di musica classica e a i suoi movimenti, Presto, Largo, Scherzo e Amoroso, che danno il ritmo anche delle diverse storie. Per ogni racconto un colore dominante in funzione del clima e dell’ambiente. Il rosso domina la prima storia che porta il colore della danza. Nel secondo il giallo oro racconta una favola medievale e di una promessa pericolosa fatta a un diavolo. Il verde del terzo fa da sfondo ad una strana relazione nata nel modno dei cavalli; l’ultimo, colorato di un blu violaceo è dedicato ad una corsa in auto sulle strade della Bretagna dalla fine tragica.

Catel Muller ha vinto nel 2007 il Grand Prix TRL e nel 2008 il Premio Essentiel/Fnac con Kiki di Montparnasse. Con Christian De Metter ha frimato Sang de Valentines che ha ottenuto il premio del pubblico 2004 al Festival di Angouleme.

Quartetto di Catel, pp 128, Euro 15,00

Articoli Correlati

Mercoledì 29 Settembre 2021 Italia 2 manderà in onda altri cinque episodi di Fire Force, dal manga omonimo dell’autore di...

27/09/2021 •

11:03

Sword Art Online godrà di un nuovo manga che debutterà il 27 Ottobre 2021 sulle pagine del numero 12 della rivista Monthly...

27/09/2021 •

10:48

Durante la riunione degli azionisti della Walt Disney Company lo scorso Dicembre il Presidente dei Marvel...

27/09/2021 •

10:00