Dylan Dog, da Lucca le novità sul personaggio

Pubblicato il 3 Novembre 2013 alle 18:00

Tra conferme e smentite, soprattutto numerose notizie interessanti circa il futuro del personaggio creato oltre un quarto di secolo fa da Tiziano Sclavi.

Saranno numerose le novità a cui andrà incontro Dylan Dog nei prossimi tempi. A rivelarle, gli stessi autori di quella che sarà una vera e propria rivoluzione nella vita del personaggio, a partire da Roberto Recchioni, intervenuto alla conferenza organizzata alla Camera di Commercio di Lucca insieme ai Mauro Marcheselli, direttore editoriale della Bonelli, Paola Barbato, Carlo Ambrosini, Franco Busatta, Gigi Simeoni e Angelo Stano.

A ottobre 2014 l’albo della svolta: realizzato da Recchioni e Mari, sarà a colori e costituirà una sorta di nuovo inizio per la serie. Cambiamenti già visibili invece nelle copertine: non riprodurranno quasi mai un episodio dell’albo, ma avranno piuttosto un collegamento concettuale con la storia narrata.

Ma vediamo nel dettaglio cosa cambierà nel mondo dell’Indagatore dell’Incubo. Anzitutto il rapporto con la tecnologia: Dylan continuerà a odiarla, ma se ne servirà, anche se non direttamente bensì attraverso il fedele Groucho, incaricato di assistere il suo capo anche con cellulare e computer. Altra novità riguardante l’assistente: sarà meno stralunato e la sua presenza negli albi dovrà essere funzionale.

Confermato, poi, il pensionamento di Bloch, che però rimarrà un personaggio della serie, anzi, godrà di grande spazio nel nuovo Almanacco della Paura. Sarà affidato a Paola Barbato, fresca di vittoria al Gran Giunigi, il compito di scrivere la storia d’addio in un albo di 110 pagine disegnato da Bruno Brindisi. A sostituirlo a Scotland Yard, Carpenter, ispettore che sarà davvero ostile all’Indagatore dell’Incubo, credendolo un approfittatore. Il nuovo personaggio sarà presentato in un albo firmato da Simeoni e Casertano.

Se Bloch cambierà in parte il proprio ruolo, ci saranno anche delle vere e proprie novità, con due nuovi antagonisti per l’Old Boy, di cui uno più rilevante nel contesto di una serie che promette di essere più legata alla continuità, sebbene gli albi resteranno autoconclusivi.

Accanto a loro, anche nuovi personaggi, ma sono state ancora una volta escluse morti eccellenti, come qualcuno aveva ipotizzato.

Per quanto riguarda le collane legate al personaggio, si è optato per una netta divisione tra la serie inedita, il Maxi, che pubblicherà a ogni uscita tre storie del Dylan Dog pre-rivoluzione, una collana annuale ambientata nella realtà immaginata da Alessandro Bilotta, il cosiddetto “Pianeta dei morti”, e l’Almanacco, affidato alle cure di Medda e avente come protagonista soprattutto Bloch.

Resterà in vita il Color Fest, che presenterà a ogni uscita numerosi autori, anche lontani dal mondo di Dylan Dog. Il prossimo presenterà dei crossover con Martin Mystère, Mister No, Nathan Never e Napoleone. A proposito di crossover: ne è previsto uno anche sulle serie regolari tra Dylan Dog e…Dampyr!

TAGS

Articoli Correlati

Le novità manga J-POP annunciate su Direct 88 includono nuove serie come Miss Kobayashi’s Dragon Maid e Nuvole a Nordovest...

30/11/2021 •

11:32

Tra le uscite manga Magic Press di Dicembre 2021 troviamo le novità Il Ragazzo dietro la Mascherina per la linea 801 (Yaoi) e...

30/11/2021 •

09:06

Dopo una breve “separazione”, nel Settembre del 2019 la Sony Pictures e la Disney hanno siglato un nuovo accordo che...

29/11/2021 •

21:49