In seguito alle numerose minacce una catena di librerie e videonoleggi si prepara a togliere dagli scaffali tutto il materiale sul manga cestistico di Tadatoshi Fujimaki.

kuroko minacce

Non c’è pace per Tadatoshi Fujimaki e il suo Kuroko’s Basket: è di questi giorni la notizia che Tsutaya, una grande catena di negozi che noleggiano videogiochi, manga e video, non tratterà più articoli legati al manga. Tsutaya ha più di 1300 punti vendita in tutto il Giappone, e i proprietari hanno dichiarato di essere giunti a questa soluzione estrema dopo “Un’analisi della situazione attuale”.

Non è difficile collegare la decisione alle numerose lettere minatorie inviate nell’ultimo anno a Fujimaki e a diversi destinatari connessi al mangaka e alla sua opera. Mangaforever vi ha tenuti informati sin dall’inizio sull’escalation degli eventi, i quali effettivamente rendono comprensibile il timore dei dirigenti di Tsutaya.

Nell’Ottobre 2012 furono recapitate a Fujimaki e in altri luoghi, tra cui l’università del mangaka, buste contenenti una sostanza velenosa (pare acido solfidrico) e delle lettere in cui chi scrive accusa Kuroko’s Basket di avergli rovinato la vita ne impone la cancellazione, definendolo “una parodia”.

Questo fu solo l’inizio di una serie di minacce e atti quasi terroristici. Diversi eventi furono cancellati o rinviati in seguito a lettere minatorie ricevute dagli organizzatori: vi abbiamo raccontato della Jump Festa del Novembre 2012, e di come persino al Comiket del mese successivo fossero state proibite ufficialmente tutte le doujinshi ispirate a Kuroko’s.

Coraggiosamente Fujimaki annunciò di non voler cedere alle minacce e di voler comunque continuare la sua opera, ma le lettere non si fermarono e portarono all’esclusione dei circoli di doujinshi sul manga da una mostra-mercata a Osaka e alla cancellazione dell’evento Double Clutch, interamente dedicato a Kuroko’s Basket.

w800h60020130723_100720_7d6fe0227712c6515007e9af8f27b8aaIl fatto più allarmante è avvenuto però recentemente, meno di un mese fa: il presunto avvelenamento (ancora da provare) degli snack alla vaniglia di Kuroko’s Basket, annunciato da un’altra lettera minatoria, che ha portato al ritiro delle merendine dai convenience store di tutto il Giappone.

Data la gravità dei fatti dell’ultimo anno non sorprende la decisione della catena di videonoleggi la quale, sebbene non risulti aver ricevuto minacce direttamente, ha preferito evitare di correre rischi.

Per non chiudere su queste tristi note ricordiamo che nonostante tutto è da poco iniziata la seconda stagione dell’anime e che il manga Kuroko’s Basket (edito in Italia da Star Comics) ha da poco raggiunto in Giappone il prestigioso traguardo di 20 milioni di copie vendute. Non possiamo che augurare a Fujimaki-sensei di continuare così, sperando in un futuro più sereno.

kuroko basket shonen jump

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui