ESCLUSIVA MANGAFOREVER: MX, uno sguardo verso il futuro

26

Sarà almeno un mese che vengo tempestato di domande tipo “quando annunciate nuovi titoli?” oppure “cosa farete dopo di…”, probabilmente anche perché molti titoli MX attualmente pubblicati stanno giungendo alla loro naturale conclusione. Annunciare pare ormai diventato lo sport preferito degli editori italiani, tuttavia io non sono capace a far spettacolo o a generare hype. Mi ritengo capace di parlare di manga, però. Proprio per questo motivo prima di annunciare titoli, mi preme spiegare la situazione e quello che è lo scopo della lineup di titoli che andrà a sostituire e, in certi casi, a integrarei titoli in pubblicazione delle etichette manga della Magic Press.

Partiamo dall’argomento più spinoso e discusso dell’ultima settimana: è uscito Witchcraft di Yamatogawa. Detto papale papale, il ritorno dei manga VM 18 in Italia è un progetto che io personalmente coltivo da svariati anni. È un mercato dove non c’è praticamente nessuno, una strada non percorsa dai concorrenti (attenzione: c’è differenza tra il solito U-jin, in lungo elargo decantato come “maestro dell’erotismo”, e Yamatogawa. Sono due cose completamente differenti) sulla quale abbiamo anche la competenza per muoverci nel miglior modo possibile (considerate che ci sono diverse problematiche da affrontare e non tutti i titoli realizzati in Giappone, per quanto buoni siano, sono pubblicabili in Italia). Con un discreto coraggio, alla fine abbiamo deciso di provarci iniziando da uno dei massimi esponenti attuali, ovvero Yamatogawa, e di creare l’etichetta Black Magic, separata da MX e destinata a questo tipo di prodotti. Non credo ci sia molto da spiegare: il target a cui si rivolge è evidente, così come sono evidenti i contenuti, così come è evidente il livello qualitativo di Yamatogawa (che vi assicuro è su un altro pianeta rispetto a qualunque cosa vista finora in Italia) e non ci siamo risparmiati neanche sulla confezione (avete visto le pagine a colori in mezzo al volume?). Importante: ci sono migliaia di fan italiani che si “procurano” i manga di Yamatogawa sulla rete, non intendo criminalizzare nessuno ma, come dice lo stesso autore al termine del volume, non limitatevi alle scansioni, supportate gli autori che altrimenti non potrebbero più disegnare quello che leggete. Il volume italiano, in particolare, è uscito fuori piuttosto bene e non credo non meriti gli euro che costa, anzi…Dopo Yamatogawa proseguiremo con la serie erotica più famosa di Haruki: Secretarial Section Drop (Hishoka Drop). Ecco, Haruki è un autore che ha effettivamente bisogno di spiegazioni, ma rimando il discorso alla prossima occasione.

Per quanto riguarda il gentil sesso, abbiamo già in mano i contratti per altri yaoi che saranno proposti con le stesse caratteristiche di “Mi vergogno da morire” (quindi vanteranno l’edizione migliore al prezzo di copertina più basso del mercato per uno yaoi). Le fan possono tranquillizzarsi che non le abbandoneremo, anche se temo dovranno aspettare ancora un po’ prima degli annunci.

Passiamo alla linea editoriale mainstream. Non abbandoneremo il progetto iniziale, ovvero: content is the sole king (l’unica cosa che conta è il contenuto). Perché un lettore dovrebbe acquistare un manga MX piuttosto che Pinco Pallo? La mia risposta è semplice: tralasciamo l’edizione (su cui comunque non ci risparmiamo), la cosa più importante è che MX non pubblica fuffa e propone prezzi accessibili. Tuttavia, in un mercato in cui gli editori si contendono gli scaffali delle fumetterie buttando fuori più manga dei concorrenti, si tratta di una decisione innegabilmente coraggiosa. Per riuscire sicuramente abbiamo bisogno di tutto il supporto possibile da parte dei lettori, il cui passaparola gioca un ruolo decisivo (per cui parlate, parlate, parlate…). Con l’eccezione delle due linee guida dedicate all’eros (femminile e maschile), i manga proposti da MX puntano a un ben preciso target di lettori(maschi e femmine) piuttosto esperti ed esigenti (avrei voluto dire”adulti”, ma l’età conta poco, contano di più i volumi letti). Non troverete titoli shonen e shoujo (intendo per adolescenti) tra le nostre proposte: perché li fanno altri, perché non c’è spazio sufficiente (le esigenze dei lettori alle prime armi sono ben soddisfatte da altri editori) e per non generare confusione (i lettori devono sapere cosa aspettarsi dai titoli col marchio MX). Attenti però: ci sono shonen (e shoujo) che nel corso degli anni hanno subito un processo di “seinenizzazione”, sono quei titoli che sono diventati cult oppure classici (esempio lampante: Devilman e Ashita no Joe sono shonen manga). Attualmente Georgie e Itazura na Kiss rientrano certamente nell’eccezione (sono shoujo manga diventati cult) e ce ne saranno anche altri in futuro. Potete star certi che troverete la stessa qualità e lo stesso pizzico di “imprescindibilità” nei manga che proporremo in futuro.

Ok, per ora potete dare il benvenuto (o il bentornato, a seconda) a Noboru Rokuda, Akio Tanaka, Norio Nanjo, Haruki e, in particolare, Tomoko Ninomiya.

26 Commenti

  1. Ok, per ora potete dare il benvenuto (o il bentornato, a seconda) a Noboru Rokuda, Akio Tanaka, Norio Nanjo, Haruki e, in particolare, Tomoko Ninomiya.

    ossia???????

    per quanto riguarda witchcraft ho già commentato la mia idea sulla news che riportava la rece…
    comunque pare un bel progetto editoriale: ma molto difficile perchè non c’è dubbio che sono se shonenate in molti casi a portare avanti soldi e baracca
    io dal canto mio continuerò a contribuire a questo editore, viste le scelte editoriale e le edizioni per me le migliori sul mercato;)

    • Tadao Yokoshima: Noboru Rokuda?! :Q
      F Regeneration?  

      magari
      f è uno dei manga che conservo con cura e amore
      uno dei fumetti più belli e più sottovalutati di sempre
      mi ricordo che tutti dopo dash kappei a quei tempi si attendevano un altra commedia/boiata , e invece si sono ritrovati tra le mani un capolavoro
      che purtroppo non tutti hanno capito o voluto capire

    • Mi piange il cuore a vedere finalmente la qualità delle opere di Rokuda apprezzata REALMENTE dagli editori con la proposizione di titoli.

      Che bello.
      Citando TurnA, qualsiasi cosa sia la comprerò.

  2. Anzi forse c’è una piccola speranza per F Regeneration Ruri. Controllando su Mangaupdates c’è scritto che il manga in volumetti l’ha fatto la Shueisha però era serializzato sulla rivista Auto Sport dell’editore San-Ei Shobo. Magari l’han potuto comprare da questi.

  3. DoctorDoomIII: Mi piange il cuore a vedere finalmente la qualità delle opere di Rokuda apprezzata REALMENTE dagli editori con la proposizione di titoli.Che bello.

    Beh, F (tutti amano la “lettera” F, d’altronde XD) era uno dei titoli preferiti da Galloni già ai tempi in cui frequentavamo la stessa fumetteria. ^_^

    Ottima mossa.. e spero ne faccia altre all’altezza. *_*

  4. ottima scelta editoriale seguirò con molta attenzione quello che proporrete.
    Avete intenzione di pubblicare altro con l’edizione di Venus war che trovo come rapporto qualità prezzo eccellente?

  5. Nagatobimaru:
    Beh, F (tutti amano la “lettera” F, d’altronde XD) era uno dei titoli preferiti da Galloni già ai tempi in cui frequentavamo la stessa fumetteria. ^_^Ottima mossa.. e spero ne faccia altre all’altezza. *_*  

    Che di addetti ai lavori che lo apprezzino non faccio fatica a credere ne esistano parecchi, non a caso ho parlato di “editori”, che “purtroppo” restano indispensabili per avere il prodotto finito. :)

  6. DoctorDoomIII:
    Che di addetti ai lavori che lo apprezzino non faccio fatica a credere ne esistano parecchi, non a caso ho parlato di “editori”, che “purtroppo” restano indispensabili per avere il prodotto finito.   

    Se il Gallico non è cambiato in questi anni, sarà il solito cacapalle (in senso buono).. indi parla che ti riparla ti convince pure il più ferreo degli editori. ;P

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui