Annunciati i vincitori della 44^ edizione del prestigioso riconoscimento che premia le migliori opere nel campo della fantascienza.

I partecipanti della 52^ Convention di Fantascienza Giapponese (Nihon SF Taikai) hanno decretato i vincitori del 44° Premio Seiun nel corso della cerimonia tenutasi ieri a Hiroshima.

Nella categoria media è stato l’anime televisivo Bodacious Space Pirates – Mouretsu Uchuu Kaizoku a battere la concorrenza di opere come 009 Re: Cyborg, The Avengers ed Eureka Seven AO.
La serie, tratta dalle light novel originali di Yuichi Sasamoto e prodotta da Satelight (Noein), racconta di Marika, una studentessa che si ritrova a capo della nave spaziale pirata Bentenmaru.

mouretsu pirates

Per quanto riguarda i manga, invece, il maestro Yukinobu Hoshino (2001 Nights) con il suo Hoshi wo Tsugu Mono ha avuto la meglio sulle opere di colleghi quali Masami Yuuki, Katsuhiro Otomo e Ken Akamatsu.

hoshi wo tsugu mono 4

 

La miniserie, completa in quattro volumi, adatta il romanzo di James P. Hogan Inherit the Stars, pubblicato in italiano con il titolo Lo scheletro impossibile:

Una tuta rossa d’astronauta con dentro uno scheletro umano. Non sarebbe poi una scoperta così sensazionale, perché sulla Luna c’è una grossa base spaziale, con decine di scienziati che vanno, vengono, esplorano, frugano, e che possono avere incidenti. Ma questa volta non si segnala nessun incidente, nessun uomo è mancante. E la tuta è di un materiale ignoto, contiene strumenti mai visti e un giornale di bordo scritto in un alfabeto indecifrabile. Un extraterrestre, allora? Attorno all’enigma di “Charlie”, come viene battezzato lo scheletro, si scatena un’appassionante controversia internazionale dove tutti i rami della scienza, dalla paleontologia alla chimica, dalla crittografia alla fisica, sono coinvolti. Ogni teoria, ogni soluzione, appare plausibile e valida finché non viene drammaticamente smentita dalla successiva. Ma tutte concordano su un punto: lo scheletro di Charlie è un’assoluta impossibilità.

Hoshino è attualmente impegnato nella trasposizione di un altro racconto di Hogan, Thrice Upon a Time; del medesimo scrittore in passato ha tratto un manga anche da The Two Faces of Tomorrow.

Completando le premiazioni degli ambiti di nostro interesse segnaliamo che Kenji Tsuruta, mangaka noto in Italia per The Spirit of Wonder (Magic Press), è stato insignito come miglior artista.

kenji tsuruta

Lo scorso anno sono stati premiati Puella Magi Madoka Magica e Gundam The Origin; tra i vincitori delle edizioni precedenti ricordiamo Fullmetal Alchemist nel 2011, Guin Saga, Summer Wars e Pluto nel 2010.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui