Il celebre anime fantasy, andato in onda per la prima volta su Italia 1 nel 1997, torna sul digitale terrestre da oggi pomeriggio.

A partire dalle 18.10 di oggi 17 Giugno, Italia 2 ripropone Slayers — saga fantasy anche nota in Italia con il titolo del primo passaggio televisivo “Un incantesimo dischiuso tra i petali del tempo”.

La trasmissione sarà senza censure e accompagnata dalle sigle originali di Megumi Hayashibara, famosa e amata cantante/doppiatrice che ha prestato la voce a celebri protagonisti femminili degli anime come Ranma in Ranma 1/2 o Rei in Neon Genesis Evangelion e che nel doppiaggio originale di Slayers interpreta Rina Inverse.

Riportiamo il comunicato dal sito del canale:

È arrivata l’estate, ma la maga Rina Inverse e lo spadaccino Guido non vanno in vacanza.
Da oggi pomeriggio alle 18:10 torna la serie storica di The Slayers, per la prima volta senza censure e con le sigle originali cantate da Megumi Hayashibara.
Siete pronti a partire a caccia di draghi e banditi, saccheggiare le dispense in tutte le locande del Giappone e radere al suolo villaggi con l’incantesimo sbagliato (ecco, questo sarebbe meglio non farlo)?
Non sarà una vacanza riposante, ma siamo sicuri che avete già pronti i bagagli.
Perché “nessuno potrebbe mai resistere al fulmine rosso”.
Parola di Rina Inverse!

Nata come serie di light novel scritte da Hajime Kanzaka e illustrate da Rui Araizumi, serializzate su Dragon Magazine dalla fine degli Anni 80, la saga di Slayers vanta numerosi adattamenti a fumetti, cinque serie animate televisive e diversi film e OVA.

La prima serie tv è diretta da Takashi Watanabe, strutturata da Takao Koyama e prodotta da J.C. Staff nel 1995.

telegra_promo_mangaforever_2

1 commento

  1. Il mio anime preferito di sempre, trasmesso solo due volte: nell’estate ’97 (bruscamente interrotto perché il doppiaggio degli ultimi episodi non era ultimato) e di lì a poco, dal gennaio ai primi d’aprile del ’98. Dopodiché silenzio assoluto. Noi fans italiani (dopo 15 anni di mail e petizioni inviate a Mediaset) avevamo perso le speranze di rivederlo sulla tv gratuita.
    Ora non resta che sperare che i vecchi aficionados, uniti alle nuove generazioni che non l’hanno mai visto, garantiscano una audience sufficiente per far sì che non si debba attendere altri cinque lustri per rivederlo. E che magari qualche etichetta (Dynit, Yamato ecc.) si decida a pubblicare la serie in cofanetti come in USA Inghilterra e Francia.
    Grazie a Mangaforever e al buon Roberto Addari per aver dato rilievo alla notizia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui