Vai al contenuto


- - - - -

Three (Gp Manga)


12 risposte a questa discussione

#1 magicofra21

    Sensei

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 594 Messaggi:
  • CittàTerre del Sogno

Inviato 18 settembre 2009 - 12:54

Sono usciti i primi manga Giochi Preziosi, tra cui questo lavoro della Souryo.. come edizione è sicuramente il più ben fatto: l'edizione è indubbiamente non di lusso, ma 4 euro e trenta per 320 pagine b/n (seppur senza sovracoperta) ne fanno un buon prodotto da edicola. Sicuramente migliore di Blazer Drive (che mi ha ricordato moltissimo i defunti play press) sempre della stessa casa editrice

e ora via con la lettura  :)

LEGGETE IL REGOLAMENTO PER APRIRE NUOVI TOPIC  :amm :amm

#2 Impostore UltraUmano

    Senpai

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 120 Messaggi:
  • Cittàmagari fosse Tokyo!

Inviato 18 settembre 2009 - 17:54

GP avrà sicuramente il mio appoggio finanziario... :D
Ho già acquistato Alive, e ora aspetto altre uscite...

#3 chavo

    Sensei

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 619 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2009 - 08:32

appena concluso il primo volume,che dire,mi ha fatto davvero una buona impressione,la storia scorre via liscia che è una bellezza nonostante la mole di pagine,i personaggi sono delineati in maniera ottimale sebbene non scevri di clichè,così come non mancano situazioni classiche del genere,dopo un inizio edulcorato e pieno di bei sentimenti,si scopre il "lato oscuro" del co-protagonista,con fraintendimento clou nel finale che rimette tutto in tavola....ahiahiahi che guaio!
comunque mi è piaciuto,nulla di che,ma si fa leggere tranquillamente

#4 black jack

    Senpai

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 125 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2009 - 19:34

Anche io l'ho comprato, e mi è piaciuto molto.
La mangaka ha mischiato in un perfetto mix situazioni "classiche" da shojo, con dei bei colpi di scena.
I pg sono tutti caratterizati bene.
Un ottimo acquisto per quel prezzo.

#5 mesopotamia79

    Kohai

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 9 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2009 - 20:30

Disattese speranze, una delusione. 5 ( e sono generoso...) :vergo:
Se qualcuno è di Bologna regalo volentieri la mia copia...

#6 chavo

    Sensei

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 619 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2009 - 21:15

Citazione

Disattese speranze, una delusione. 5 ( e sono generoso...) :vergo:
Se qualcuno è di Bologna regalo volentieri la mia copia...
ooooooooh :oho
racconta racconta ció che ti ha deluso

#7 mesopotamia79

    Kohai

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 9 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2009 - 21:35

Ce l'hanno menata per mesi...e poi...Three...Dai, la storia è un tripudio di già visto, per non parlare del fatto che è un titolo ovvio per chi ama la Souryo, invece di osare col molto più interessante Boyfriend...direi che il tratto già in direzione Mars però ha avuto la meglio, per adesso.
Le pagine? Gialle!!! come già scritto nel post G.P....Dai (ancora...) preferisco personalmente spendere 4,30 per Maya e 200 pag. e una carta come si deve, senza considerare (fate la prova) che 3 volumetti di Maya ne fanno uno di Three, ovvero 600 pag. x 320... Spessa, porosa...ma prendiamo in mano gli albi star di 10 anni fa, ripeto, oppure le edizioni flah, jpop...cioè, ma al collezionista cosa dite? quello adulto intendo, non il sedicenne di One Piece, ma quello che legge ormai da anni....ma le guardano, (qualcuno le ha viste mai?) le edizioni straniere? Stupende!!! senza pubblicità negli albi di altri manga...senza angolo posta (obsoleto ormai...), e poi, ritornando a three, il logo sul retro copertina sopra l'illustrazione, a cosa serve? chi l'ha chiesto? un pò di semplicità, no eh? (stesso vale anche per sonata, con l'aggiunta che costa 6,90...ma stiamo scherzando??? solo perchè è un classico? o per la sovracoperta discutibile? quando con 1 euro in più e uno SOLO acquisto edizioni che veramente si possono porre accanto ai romanzi veri senza nulla invidiare...)
se questo è l'inizio ah beh, ciao... :madai: :madai:

#8 Tora

    Maestro Jedi

  • Moderatore
  • 5084 Messaggi:
  • CittàBari

Inviato 22 settembre 2009 - 07:31

Buon Manga

Non siamo di fronte ai capolavori come Mars e Cesare ma la Soryo imbastisce una trama carina con personaggi ben caratterizzati
Il tema delle Idol non è molto intrigante (ihmo) ma è un manga di crescita e di evoluzione dei giovani personaggi alle prese con i primi amori e difficoltà nella vita.

Per quanto riguarda l'edizione a me va benissimo pagare 4.30 per 320 pg
Un rapporto pagine/prezzo imbattibile
Coi fumetti non ci vado a letto e quindi non chiedo che si facciano belli per me  :DD

#9 kage

    Senpai

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 490 Messaggi:

Inviato 22 settembre 2009 - 20:42

Letto anche io sisi
Non è che mi abbia preso molto questo manga. Carino, senza pretese però si lascia leggere facilmente e presenta qualche personaggio interessante.

Vediamo un po' come si evolverà nei prossimi volumi.

#10 Serpico

    Cavaliere d'argento

  • Utente registrato
  • StellettaStelletta
  • 2491 Messaggi:

Inviato 23 settembre 2009 - 12:52

L'ho preso e gli ho dato un'occhiata, ma m'ha saputo un sacco di Il Giocattolo dei Bambini (non so se fosse quello) ma il senso di deja vu è stato palese. Passo.

#11 Yukari

    Sensei

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 578 Messaggi:
  • CittàTorino-Napoli/Napoli-Torino

Inviato 03 novembre 2009 - 14:03

Innanzitutto ciao a tutti!!!!
E' da un pò che non mi faccio vedere, poco tempo e troppe cose da fare.
Ma rieccomi fra voi  :D

Passiamo al sodo.

Three
Per chi, come me, ha amato alla follia Mars, Three ha sicuramente non esaltato. Quest'opera del 98 è decisamente più shojo di quanto la Soryo ci abbia abituati. Fatta questa dovuta premessa, c'è da dire però che il manga è ben strutturato, fin dalle prime pagine l'autrice delinea benissimo i caratteri dei suoi personaggi e per quanto la storia sembri concentrarsi sul tema dell'amore, in realtà descrive, in maniera molto accurata, le dinamiche ed i compromessi con cui bisogna confrontarsi per entrare nel mondo dello show business, questo aspetto emerge di più già dal secondo volume.
La protagonista Rino infatti, per debuttare come cantante, sceglie la strada della Idol. Una strada facile, ma anche molto caduca, in cui, i casi di lunga carriera, sono più che rari. La Soryo ci delinea la corrente che negli ultimi 10 anni sta caratterizzando molto il mondo dello spettacolo, anche nel nostro bel paese, dove alle Star, si preferiscono personaggi fast food, pronti in pochi minuti e veloci da mangiare e digerire.
Attraverso il protagonista maschile Kei invece, l'autrice ci mostra un'altra faccia dello spettacolo, più precisamente, quella del talento puro, spesso inconsapevole, la cui forza emerge anche da chi non ha aspirazioni o velleità nel mondo dei lustrini e delle copertine patinate. Quella forza naturale che riesce ad attrarre tutti anche da una sola e semplice occhiata, ovvero il carisma.
Kei è un ragazzino i cui problemi familiari lo hanno portato a chiudersi in se stesso e nella musica, unica chiave verso il mondo esterno, unico metro di giudizio per lui.
Kei guarda alle persone ascoltando la loro musica ed è per questo che anche personaggi egoisti ed opportunisti, come il cugino di Rino, Ryuichi, sembrano ai suoi occhi persone particolari e speciali.
Kei non suona la chitarra per diventare una Star, ma le sue innate doti sembrano non volergli lasciare scampo. Il ragazzo è nato per incantare tutti con la sua musica e la sua voce.
I due protagonisti cominciano a frequentarsi ed a piacersi, ciò non toglie che l'incontro con Kei, getterà Rino in uno stato di profonda sfiducia nelle sue capacità, così poco entusiasmanti rispetto all'innata potenza artistica dell'amato.
E' proprio questo aspetto che rende Three, un'opera degna della Soryo, un'autrice che ha sempre messo in campo i sentimenti veri, anche quelli più meschini come la gelosia, ma senza sfruttarli come meri clichè, non li relega ai personaggi antagonisti, o quanto meno non solo a loro, ma anche agli eroi delle sue storie. Da quindi sempre spessore e complessità ai caratteri, riuscendo ad infondere alle sue opere originalità, ormai sempre più spesso latente in un genere inflazionato come quello degli shojo.
Certo alcuni temi e situazioni classiche sono sempre presenti, ma nel complesso l'autrice non manca mai di imprimere il suo tocco di classe, distaccandosi dai soliti clichè, pur servendosi di essi.

Per cui Three, pur non sembrando (almeno per ora) all'altezza delle precedenti opere pubblicate in Italia, si dimostra comunque, una storia interessante e coinvolgente, ho l'impressione che lo diventerà sempre di più  ;)

Volevo aggiungere un commento all'impressione che ha avuto Serpico. Non mi sembra infatti che Three c'entri molto con Il giocattolo dei bambini, almeno per quanto riguarda la storia e la caratterizzazione dei personaggi. Certo c'è il mondo dello spettacolo ad accomunarli ed anche Sana è un'artista, ma fondamentalmente le storie viaggiano su binari completamente diversi. Infatti, mentre ne Il giocattolo dei bambini lo showbusiness fa più da sfondo alle vicende personali, in Three invece, sembra essere parte fondamentale nella vita dei protagonisti, anzi direi quasi condizionante della storia stessa. In comune credo che abbiano solo il fatto che, utilizzando lo strumento shojo di facciata, sviscerino invece temi più adulti e profondi, al di là della classica storia d'amore.  ;)

#12 minty

    Cavaliere di bronzo

  • Utente registrato
  • StellettaStelletta
  • 1680 Messaggi:
  • CittàForlì

Inviato 04 novembre 2009 - 01:36

Sono in linea di massima d'accordo con Yukari, salvo su un punto: imho Three non è inferiore ad altre cose della Souryo. Meno maturo, forse, ma è già ottimamente gestito e capace di "acchiappare" il lettore immediatamente. Certo i protagonisti sono due adolescenti molto adolescenti, il che potrebbe scoraggiare i più adulti dalla lettura, ma imho resta un manga anche così degnissimo di lettura. Magari non trascendentale, ma ben realizzato.
Tra l'altro rispetto ad altri titoli della Souryo per ora mi appare un po' meno "morboso" del solito, anche se già dal secondo volume prende una china un po' melodrammatica...

Secondo me gli estimatori dei cliché anni '80 e delle storie ben scritte, non allergici ai target adolescenziali, potrebbero goderselo ^^

#13 bibiz

    Sensei

  • Utente registrato
  • Stelletta
  • 587 Messaggi:

Inviato 10 novembre 2009 - 22:54

Io l' ho comprato giusto perchè è della Souryo, sinceramente non aspettandomi questo granchè...invece l' ho trovata una lettura che "prende", interessante e ben strutturata. Alcune di quelle che saranno le caratteristiche principali delle storie "made in Souryo" già si intravedono,benchè siano ancora acerbe....tipo i problemi in famiglia di alcuni personaggi e la loro "alienazione" rispetto alla società in cui vivono. Da queste premesse mi aspetto una buona opera, cosa che, ripeto, è una piacevole sorpresa.
Spero di trovare sia il 2 che il 3 in fumetteria, di uscite GP mi pare che il fumettaro ne stia ordinando poche....e a volte capita che in casella non ci sia.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi