Il lato oscuro della Luna – Le Storie Bonelli n. 5 – Recensione

CONDIVIDI |
Il cammino editoriale de Le Storie si arricchisce di un ulteriore, gradevolissimo albo firmato dal duo Bilotta-Mosca. Dopo Parigi, il Giappone, l’India e Chicago, la serie Bonelli conduce i lettori…nello spazio.

Le Storie n. 5 – Il lato oscuro della Luna

Autori: Alessandro Bilotta (testi), Matteo Mosca (disegni).

Casa Editrice: Sergio Bonelli Editore.

Provenienza: Italia.

Genere: Fantascienza – Psicologico

Prezzo: 3,50 Euro

Data di pubblicazione: Febbraio 2013


Siamo nel 1963 e tre astronauti sono in viaggio verso la Luna. Ad un certo punto uno di loro, Lloyd Clark, si ritrova completamente solo, all’oscuro del destino dei propri compagni di viaggio. Prova a chiedere sostegno e delucidazioni da Huston, ma la base texana afferma di aver ben altro di cui occuparsi: un misterioso assassino ha appena ucciso il presidente statunitense John F. Kennedy…

Detta così, la trama de Il lato oscuro della Luna, 5° albo della collana Le Storie firmato da Alessandro Bilotta e Matteo Mosca, offre già diversi motivi di interesse, ma di elementi ulteriori ce ne sono, eccome.

È evidente fin dall’inizio del racconto, infatti, lo svolgimento parallelo di due linee temporali: quella del presente, nella quale lo sfortunato Lloyd a poco a poco viene roso dai virus della follia, dell’incertezza e della solitudine, e quello del passato, che consente ai lettori di capire come e perché il protagonista ha deciso di intraprendere la carriera di viaggiatore dell’universo.

E così nell’angusto spazio di una navicella spaziale, grazie ai numerosi ma mai fastidiosi flashback, si muovono svariati personaggi, che danno contezza di età storiche, caratteri e comportamenti totalmente diversi.

La storia approntata da Bilotta sa appassionare e inquietare al tempo stesso, sa far riflettere e stupire. Dissemina indizi, provoca dubbi, gioca con i dettagli e affascina il lettore.

Lo fa anche grazie all’ottima prova di Matteo Mosca ai disegni, a suo agio tanto tra le tecnologiche e metalliche pareti del velivolo che conduce Lloyd verso il lato oscuro della Luna citato dal titolo, che tra gli spazi aperti e affollati degli Stati Uniti degli anni della seconda Guerra Mondiale.

Come non citare, poi, la deliziosa copertina di Aldo Di Gennaro, unico punto fermo di una serie che si propone di alternare continuamente autori e personaggi, fedele unicamente al marchio dell’avventura?

A rifletterci meglio, il copertinista non è l’unica sicurezza de Le Storie. C’è anche la qualità e il valore degli albi che finora hanno raggiunto le edicole. Le singole storie possono piacere ora più ora meno, possono essere innovative o tradizionali, toccare le corde di questi o di quei lettori, ma sulla bontà de Le Storie nel complesso c’è poco da discutere. Leggere questo mix di avventura, fantascienza e approfondimento psicologico per credere.


Voto: 8

  • http://Iltuositoweb... labirint

    Non molto d’accordo col giudizio, a me non ha detto gran che questo albo e l’ho trovato il più debole fra quelli letti della collana, io come voto non andrei oltre il 5.5

  • maxtex74

    Letto e concordo con la recensione ,ottima storia psicologica e fantascientifica pseudo realistica ,ambientata negli anni 60 nell’ America in piena corsa per la conquista dello spazio che si altalena con il passato del protagonista da bambino nel periodo della seconda guerra mondiale.
    Altalenando i due periodi con flashback del passato sfortunato dell’astronauta ci racconta anche una storia sulla solitudine dell’uomo nello spazio ma anche nella vita. Ottima storia emozionante con rimandi a 2001 Odissea nello Spazio ,ma in parte anche originale ,che ti lascia come un vuoto cosmico.

    Una delle migliori della collana Storie Voto 8,5