­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­
­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­
­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­
domenica, 23 febbraio 2014 - 13:30

Batman n. 22: recensione


CONDIVIDI |
Con il numero 22, la testata di Batman arriva alla fine di un ciclo di storie che ha entusiasmato i lettori della nuova linea editoriale “New 52″. Un numero che fra alti e bassi, risulta essere lievemente superiore al precedente. Il tutto in un limbo narrativo dovuto all’attesa del grande evento per il mese prossimo: “Anno zero”!

batman 22 lion Batman n. 22

Autori: Snyder, Tynion, Layman, Higgins, Capullo, Maleev, Eaton, Booth

Casa editrice: Lion

Genere: super-eroi

Prezzo: 3,50, pp. 76

Data di pubblicazione: Febbraio 2014

aggiungi al carrello

L’ultimo capitolo prima dell’inizio dell’atteso Anno Zero è immerso nei suoi alti e bassi ultimamente troppo presenti.
Comunque sia, potremmo definire la “New 52″ della testata su Batman, racchiusa fino al numero 22 in tre filoni fumettistici.

Il primo, quello della “Corte dei gufi”; il secondo: “Morte in famiglia”; il terzo le conseguenze sui vari personaggi dopo la morte di Damian.

Questi tre filoni narrativi, hanno accompagnato il lettore fino ad oggi. Ventidue numeri che, con alterne vicende, soprattutto nei primi diciannove, hanno tenuto alto il nome del Cavaliere Oscuro, con un netto calo solo negli ultimi numeri.

La testata, nelle ultime storie infatti, è sembrata ferma in un purgatorio narrativo in attesa del grande evento: Anno Zero. Questo numero va letto in tal senso: come la fine di un ciclo di programmazione editoriale.

In questo modo, il numero 22 si apre con la storia in sospeso di Clayface che cerca Batman attraverso le minacce a Bruce Wayne. La storia non è scontata come potrebbe essere all’apparenza. Lo scontro ha vari colpi di scena ma la parte più emozionante è alla fine, quando Batman parlando con Alfred, promette che questa volta non cadrà nella rabbia e nella depressione del dolore di una scomparsa. Ma poi i ricordi registrati portano il nostro super eroe ad una lacrima che fa male. La storia ha qui il suo picco massimo; un apoteosi silenziosa di un dolore ancora troppo presente.

La seconda storia è la continuazione dell’episodio di Batman e Superman che sono alle prese con una figura magica in una casa molto particolare. La storia è debolissima. L’impianto narrativo è breve e quanto di più scontato possa esserci. Ci si aspettava qualcosina di più. Sembra proprio che si sia usato il dualismo fra Batman e Superman per avere un paio di pagine in più sul fumetto. Storia pessima, da evitare!

La terza storia “Ombre e fantasmi”, vede la partecipazione nascosta di Ra’s al Ghul, il quale manda una giovane addestrata da poco, a Gotham, per colpire al cuore della città. In questa ascesa sulla città di Batman, la vera protagonista è la giovane Harper. La storia viaggia su ritmi sicuramente più elevati rispetto alla precedente, ma manca il pathos, la scena giusta per affondare il colpo finale.

La storia successiva e finale, invece, è quella fra il Burlone e Nightwing che è alla ricerca di Tony Zucco a Chicago. È l’episodio più bello, una continuazione stupenda del numero precedente che sta portando Nightwing, ad essere da una promessa editoriale, a un personaggio principale della “New 52″. L’arco narrativo che parte da molto indietro, ci svela una storia coinvolgente sul ritrovamento di Tony Zucco, l’assassino dei genitori di Dick Grayson. La storia cresce di numero in numero, e l’impianto narrativo non è mai scontato. Anche l’ingresso di un nuovo personaggio cosi particolare come il Burlone, rende il tutto più coinvolgente. Un episodio di un numero 22, che prepara il terreno per il grande evento: Anno zero!

Nella sua totalità il fumetto risulta essere superiore per certi versi al numero precedente, ma sono evidenti alcune forzature narrative come la storia fra Batman e Superman. A far alzare il livello ci pensa poi, ancora una volta, Nightwing, capace di regalare ritmo e divertimento a tutto gas.

Ora fateci sognare Snyder e Capullo! Ora avanti tutta con “Anno zero”!

Voto 7 +


Più informazioni su

FORSE NON HAI LETTO